Agro Nocerino SarneseNotizie Primo PianoPoliticaSalerno

Elezioni: candidature blindate, doppie, e scontri ovunque

Candidature blindate nell’Agro Nocerino Sarnese e volti già noti

L’Agro Sarnese Nocerino nella tornata elettorale del 25 settembre cerca un posto al sole con i suoi candidati che sono nomi e volti già noti. Chi cerca la riconferma, chi il salto in avanti, chi è passato dalla campagna elettorale della amministrative di appena due mesi fa ad una nuova discesa in campo.

E’ un panorama variegato anche se l’agro non sembra però del tutto equilibrato nelle scelte. Sarno, Pagani due comuni grandi non hanno inaspettatamente alcun nome nelle liste, Sant’Egidio del Monte Albino ne esprime due.
E quindi tra i nomi che spuntano dal comprensorio ci sono Paola Lanzara, sindaco di Castel San Giorgio, Virginia Villani deputata uscente del Movimento 5 Stelle, il cui nome ritorna nel collegio uninominale Campania 2 collegio 5 di scafati e nel proporzionale Campania 2/02, stessa cosa per Erminia Maiorino Unione Popolare, candidata sindaco a Nocera Inferiore pochi mesi fa con Potere al Popolo che troviamo all’uninominale ed al proporzionale, Imma Zinnia Azione – Italia Viva consulente legale di Nocera Inferiore candidata 2 mesi fa alle amministrative con Giovanni d’Alessandro, Teresa Formisano di Scafati unica salernitana candidata per Forza Italia , Alessandra Petrosino con il Movimento 5 Stelle e Nunzio Carpentieri Fratelli d’Italia, consigliere regionale in Campania.


Da una prima analisi sembra essere messa al sicuro la candidatura di Virginia Villani che nella crisi del Movimento 5 Stelle è rimasta fedele ai pentastellati a differenza della senatrice, Luisa Angrisani, che aveva virato verso alternativa, restando ora fuori dai giochi.


Ed in Forza Italia elezione blindata in Campania per Marta Fascina, la quasi moglie di Silvio Berlusconi. Il Cavaliere guiderà le “truppe” azzurre al Senato e per la sua compagna il secondo posto in lista subito dietro il coordinatore azzurro Antonio Tajani.

E sulle grandi esclusioni dell’ultima ora lo scontro è durissimo. Anche nell’Agro Sarnese Nocerino.
Inattesa l’esclusione di Alberico Gambino , un nome certo già alle prime battute nella composizione delle liste per Fratelli d’Italia, all’uninominale alla camera del collegio di Scafati poi una esclusione all’ultimo minuto.

E proprio in casa “Fratelli” scontro con Carmela Rescigno, consigliere regionale, pronta alla candidatura che sembrava certa ed ora attacca duramente. “Caro coordinatore Antonio Iannone – dice – io da esclusa non scappo e nessuno può mettere in dubbio la mia lealtà verso Fratelli d’Italia. I territori con tanti amministratori avvertono l’ingiustizia di una decisione che rispettiamo ma senza subire censure Fratelli d’Italia non è una caserma ma un partito, il partito non è proprietà di nessuno”.

E non sono mancate e polemiche nel centrosinistra


Prima Federico Conte deputato uscente di Liberi e Uguali con la rinuncia alla candidatura. “Mi ha colpito – denuncia Conte- la scelta di trasformare la Campania in un’area di atterraggio per candidature prestigiose di altre realtà. Evidentemente si ritiene che la classe dirigente espressione del sistema di potere locale non sia all’altezza di esprimersi a livello nazionale e, nel contempo, si impedisce che ne emerga una nuova”

Alfonso Andria, che ha riconsegnato la tessera al segretario provinciale del Pd Salerno Enzo Luciano. Andria, già presidente di Provincia, senatore ed europarlamentare, ha accompagnato la tessera con una lettera al vetriolo. Pur avendo fatto militanza con passione e da tempo non sono più a mio agio. Il ripiegamento del partito a Salerno e nella sua vastissima provincia entro logiche padronali, il ricorso continuo a metodi assolutamente opposti ai princìpi ispiratori del PD pur di affermare un’egemonia, spesso basata sull’esercizio muscolare, di fatto ne mortificano la funzione e la natura. L’individuazione delle candidatura rendono l’idea non di un partito politico ma di un edificio dalle porte girevoli del quale servirsi a seconda delle convenienze. Per me basta così”.


E sarà la senatrice Sandra Lonardo, moglie di Clemente Mastella, la capolista del listino al Senato per il Collegio Campania 2 della lista “Mastella Noi Centro”. In lista anche Oreste Agosto, avvocato salernitano, grillino della prima ora e candidato alle scorse elezioni amministrative di Salerno con una lista civica.

Articoli correlati

L’attesa è finita: riapre Edenlandia!

Redazione

Sarno, Canfora: “A difesa dell’ospedale, reparti e pronto soccorso. Risposte dai vertici Asl”

Redazione

Sassaiola contro le anatre nel fiume, rivolta dei contadini

Redazione

Docenti Vincolati: la manifestazione nazionale. “Soluzioni subito”

Redazione

Covid, la Campania resta in mascherina

Redazione

Caro bollette luce e gas, stangata per le famiglie: le cifre

Redazione