Attualità Primo Piano

Pasqua ed alimentazione: cosa scegliere, come fare. Lo spiega il dottor Nocera

 

Dolci, cibi molto calorici, piatti della tradizione che portano in sè tanti ingredienti non proprio amici della linea. Ma con la Pasqua, come per ogni festività, il “peccato di gola” è sempre concesso. L’importante è seguire i consigli giusti del professionista giusto. 

Per Sarno Notizie le linee guida importanti le traccia il dottor Mario Nocera,  Biologo Nutrizionista, le cui diete sono una vera nuova alimentazione che garantisce perdita di peso in salute, alimenti bilanciati, chili in meno senza grandi rinunce. Una scelta ampia tra l’altro, tra dieta chetogenica, dieta per sportivi, dieta mediterranea a tutte secondo le singole esigenze tenendo sempre conto dei gusti personali. 

In questa intervista il dottor Nocera ci lascia dei consigli fondamentali e semplici da seguire

Pasqua a tavola. Cosa scegliere?

Per quanto si possa essere ligi, a Pasqua sicuramente si cederà . Il mio consiglio è quello di mangiare un pò di tutto senza esagerare. Senza mortificarsi eccessivamente. Forse le cose più leggere di Pasqua, sono i carciofi, almeno che non siano ripiene! Prevalentemente a Pasqua abbiamo dei pasti ricchi di carne e olio in quantità elevate. Questi sono cause di numerosissime patologie purtroppo a noi meridionali già molto note. Consiglio quindi di scegliere cibi non fritti. Si possono cucinare benissimo tantissime cose senza friggerle, che sono ugualmente buone.

Quanto è importante privilegiare la qualità invece della quantità? 

Scegliere sempre preferibilmente  prodotti di stagione. Più che tipo di alimento da mangiare, è meglio soffermarsi sulle quantità. Come dicevo prima, si può mangiare un pò di tutto ma con moderazione, ricordarsi di abbinare sempre verdure accanto ad ogni alimento di origine animale, perchè le fibre contenute in esse, aiutano a non assorbire tutto il grasso di un alimento. Quindi si, a tante verdure e frutta. Infatti, a Pasqua si ingurgitano tantissimi tipi di grasso di origine animale, chiamati acidi grassi saturi. Esistono in natura due tipi di grasso: insaturi e saturi. I grassi saturi aumentano il colesterolo cattivo LDL. Essi sono composti da catene carboniose senza doppi legami, fanno male e sono la causa di molte patologie del sistema cardiocircolatorio. Li troviamo nella carne rossa, insaccati, nel lardo, nel burro, nello strutto, nel latte, nei formaggi, nelle uova, ecc. Gli acidi grassi insaturi e polinsaturi abbassano il colesterolo cattivo LDL e aumentano quello buono HDL hanno doppi legami all’interno della catena carboniosa e fanno meno male dei saturi. Li distinguiamo in omega 3 e 6. Gli omega 3 li troviamo nei pesci grassi, come il pesce azzurro: pesce spada salmone, aringa, sardine, olio di pesce, trota e tonno, ma anche nelle noci, mandorle e infine nelle verdure a foglie larghe. Gli omega 6 li troviamo nell’olio di semi, di girasole, di soia e anche nei legumi. Ricordiamoci però che non conta solo la qualità ma anche la quantità, in un ordine perfettamente proporzionale. Tutto fa male se si abusa, però anche i grassi hanno un loro perché.

Cioccolato e colomba sì o no?

Almeno a Pasqua si. Basta non esagerare. Concedersi dei piccoli peccati di gola una tantum, non ha mai ucciso nessuno.A Pasqua le regole di un acquisto consapevole per colombe e uova ...

La dieta deve essere corretta alimentazione e non mortificazione. Spesso chi si sente mortificato dalla dieta la abbandona, invece concedersi ogni tanto un dolcino che gratifichi il palato e dimagrire lo stesso perché abbiamo cambiato le abitudini alimentari, ci incentiva ancora di più a continuare la dieta. Molti miei pazienti sanno che la mia dieta è differente.

Qualche ricetta per depurarsi?

Ovviamente, per depurarsi, non possono mancare le insalatine.

E si possono fare come si vuole. Con pesce, con semi, con condimenti come l’aceto e il limone. Aiutano la diuresi e apportano sali minerali in particolare potassio, sostanza particolarmente adatta a contrastare la ritenzione idrica e ancora, troviamo rame, zinco e selenio, acido folico e vitamine che sono antiossidanti quali la A, C ed E, che proteggono le cellule dall’invecchiamento. Inoltre ritroviamo il licopene, betacarotene, sostanze che aumentano le difese immunitarie. Più che ricette per elaborare qualcosa in cucina io suggerirei delle buone tisane! Ad esempio il finocchio, che depura l’organismo oltre ad essere un diuretico. Il cardio mariano, che ha un effetto epatoprotettore perché stimola il fegato a rigenerarsi dopo varie abbuffate con cibi grassi. Il tarasacco anch’esso diuretico e purificatore del fegato. Infine non mi resta che augurare a tutti voi, una Buona Pasqua

 

10 principi di una sana e corretta alimentazione - Sballatidisalute

 

 

 

Articoli correlati

“No cibo, vogliamo soldi” e spaccano il citofono

Redazione

Editoria: chiude La Città, “si certifica morte annunciata”

Redazione

“I miei 21 giorni a Savona. Lascio un pezzo di cuore”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy