Attualità Brevi Primo Piano

Incendio montagna, il geologo Ortolani spiega: “Possibili frane, ma tutto finirebbe nelle vasche”

I valloni affluiscono nelle vasche e dopo gli incendi possono verificarsi nubifragi, questa non è una novità. Qualora ciò avvenga si possono originare flussi detritici veloci con notevole potere distruttivo quando si incanalano. La cenere impermeabilizza la superficie del suolo e favorisce lo scorrimento dell’acqua di ruscellamento durante i nubifragi. La conseguenza è rappresentata dai flussi detritici. Nella situazione attuale è evidente che eventuali flussi detritici scorrerebbero negli alvei fino a riversarsi nelle vasche dove si deporrebbe il detrito con tronchi d’albero. L’assetto idrogeologico attuale garantisce sicurezza per l’area abitata a valle dei versanti devastati dal fuoco in quanto le vasche realizzate per contenere eventuali altre colate rapide di fango funzionerebbero come vasche di decantazione per i flussi detritici che hanno portate inferiori alle colate distruttive come quelle del maggio 1998.

Articoli correlati

Sarnese beffata a Gravina per 2-1

Redazione

Decoro urbano ed igiene. Il vice sindaco Robustelli: “Operazione su tutto il territorio”

Redazione

Quattro sindaci insieme: nasce “Agro Solidale”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy