Notizie Primo PianoCronaca

Ospedale da “Super Straordinari”. La dura denuncia

Ospedale Martiri del Villa Malta nel mirino dei sindacati. “Straordinari senza pietà e senza regole, mancati riposi, legge non rispettate”. E’ la denuncia durissima che arriva dalla Fials Salerno. 

La maggior parte del personale ha già raggiunto le 180 ore massime consentite dalla legge.  Si parla di maggio, periodo Covid di 4mila ore si straordinario ossia 676 turni.

Il sindacato non ci sta ed esprime duramente la ” forte preoccupazione in merito al sistematico ricorso all’ uso del lavoro straordinario».

Un documento è stato inviato al direttore sanitario Rocco Calabrese , a quello amministrativo Francesco Buoninconti e al responsabile del personale Francesco Avitabile  ricordano che le prestazioni di lavoro straordinario sono «rivolte a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali e, pertanto, non possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell’ orario di lavoro ».

Scrivono Carlo Lopopolo , Salvatore Di Candia , Alfonso Napoletano , Saverio Carimando e Mario Marmo , non funzionerebbe così. “Il ricorso allo straordinario – si legge nella nota  – viene attivato preventivamente ed inserito già nella turnistica presentata ai lavoratori nel mese precedente, una modalità del tutto inappropriata e irrispettosa del contratto nazionale». 

Si fa riferimento all’ emergenza Covid-19, che ha chiesto forze aggiuntive. Eppure la Fials fa notare come anche a febbraio scorso furono liquidate “3750,55 ore pari a 625 turni di straordinario mensili, per un totale di 21 turni giornalieri”.

 

IL DOCUMENTO

 

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Stazione senza servizi igienici, l’ira dell’amministrazione di Sarno

Redazione

Ospedale Sarno – Troppe aggressioni, i medici chiedono più vigilanza

Redazione

Grande novità al Fermi: indirizzo scolastico elettromedicale

Redazione

Sarno – Commercio: si riparte!

Redazione

I doni natalizi della Pro Loco: “La solidarietà è la carezza del Natale”

Redazione

Procura nel caos: troppi fascicoli e inchieste a rischio

Redazione