Primo Piano

“Opportunità per il paese, non dei singoli”. Nasce la confederazione movimenti civici e popolari

Sarno dall'altoRiceviamo e pubblichiamo:



Negli ultimi mesi si è assistito, anche a Sarno, all’ultimo atto di una rappresentazione che sancisce la fine della politica dei partiti.

 

Una tragicommedia che vede protagonista l’interesse dei singoli a danno dei cittadini.


Bisogna riscoprire una politica fatta di opportunità per il paese, benessere collettivo e non dei singoli.


Per questi motivi gli amici di Rete Libera e di Forza Libera si fanno, oggi, promotori di una Confederazione di MOVIMENTI CIVICI E POPOLARI.


Oggi si dà nuovo vigore al cammino intrapreso già da qualche anno:  costruire un’alternativa alla vecchia politica dei partiti, che sia la casa di chi non si sente rappresentato ed ha voglia di fare una politica basata su valori, idee e progetti.

Si parte dalla considerazione che i cittadini non possono essere solo
voti, ma patrimonio di idee, valori, speranze, ideali, un patrimonio del quale il paese non può fare a meno, un patrimonio da conservare ed alimentare giornalmente attraverso il dialogo ed il confronto.

 

Oggi vengono chiamati a raccolta tutti i movimenti civici già costituiti o a
costituirsi, per unirsi in questo grande progetto di costituzione dei MOVIMENTI CIVICI E POPOLARI, per dare una svolta a questo paese, per creare un grande futuro.

Sarno è un paese ricco di risorse, che non si può più permettere di sottostare alle vecchie logiche dei partiti che ingabbiano ed ingessano idee,  programmi,  valori e risorse umane, per far posto esclusivamente al clientelismo, all’occupazione di poltrone ed al perseguimento di interessi personali.


"…..Una legge morale, tutta intera, abbia infine a valere e
dominare la politica, perché essa non sia ingiusta e neppure tiepida,
ma intensamente umana….." (Aldo Moro).

Articoli correlati

La Sarnese corsara mette il miglior vestito e si regala una Pasqua felice.

Redazione

Scuole ed agibilità: verifica su tutti gli atti

Redazione

La rivoluzione dell’Islam targata Firenze

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy