Notizie Primo Piano Politica

Crisi Governo, seconda giornata di consultazioni. Fico salirà al Colle pomeriggio

Braccio di ferro fra IV che chiede il MES e M5S che rilancia su reddito cittadinanza, salario minimo e riforma elettorale

E’ iniziata a Montecitorio la seconda giornata dei lavori del tavolo programmatico con i gruppi della maggioranza, convocato dal Presidente della Camera Roberto Fico sulla base del mandato esplorativo affidatogli dal Capo dello Stato Sergio Mattarella.
 
Quattro ore di tempo per raggiungere un compromesso non facile , alla luce dell’ esito della prima giornata, prima di salire al Quirinale nel pomeriggio per dare un’ indicazione “chiara” sulla possibilità di formare un nuovo esecutivo. Unico paletto posto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella la continuità d’azione di ministeri chiave per l’ emergenza Covid (Salute) e per il Recovery (Economia). La prima giornata di consultazioni ha sottolineato tutti i limiti di un negoziato che, al momento, sembra tutto in salita.
 
Il leader IV Matteo Renzi , che spinge per arrivare ad un nuovo esecutivo entro la fine di questa settimana, ha rilanciato sul MES o perlomeno sul mini-MES, un tema fortemente osteggiato dal M5S, che non è disposto a trattare. In più, la proposta di una bicamerale per portare avanti le riforme guidata dall’ opposizione.
 
I Cinquestelle , dal canto loro, hanno rilanciato con alcuni cavalli di battaglia : dal reddito di cittadinanza al salario minimo ,senza tralasciare una riforma elettorale che contempli il meccanismo delle preferenze. Altro elemento di scontro la composizione della squadra di governo , che probabilmente sarà al centro del dibattito di questa mattina, con Italia Viva che potrebbe chiedere qualche Ministero più pesante.
 
“Al tavolo con il Presidente Fico ed i capigruppo non sono mai stati affrontati i temi degli organigrammi e delle strutture ministeriali”, hanno fatto sapere ieri fonti parlamentari del Pd. Notizia confermata da Renzi che afferma “non abbiamo parlato di nomi e nemmeno di numeri” e chiede di “evitare lo spacchettamento dei ministeri solo per accontentare più persone”.
 
 

Articoli correlati

Incendio all’impianto di rifiuti. “Ci stanno uccidendo!”

Redazione

Sarno, via la cittadinanza onoraria a Mussolini. “Atto di libertà”

Redazione

Donna con tubercolosi, scatta protocollo

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy