Attualità

Un anno di Covid: 21 febbraio 2020, il giorno in cui tutto cambiò

La mattina del 21 febbraio di un anno fa l’Italia si sveglia e scopre che il virus è entrato in casa

È il 21 febbraio 2020 quando Codogno, in Lombardia, si sveglia con le telecamere puntante addosso. La notte prima Mattia Maestri, 38 anni, manager, da qualche giorno ricoverato in ospedale, è il primo paziente italiano positivo al coronavirus. Da quel momento, in un susseguirsi rapido di eventi, l’Italia diventa il Paese europeo più colpito dal virus e la nostra vita comincia a cambiare, probabilmente per sempre

La cittadina diventa spettrale, le mascherine non si trovano da nessuna parte, il Comune chiude bar e ristoranti e in meno di 72 ore Codogno viene isolata, l’Esercito la circonda: è la Wuhan d’Italia.

 

 

Articoli correlati

Covid – Variante inglese: aumentano casi in Campania

Redazione

Green pass obbligatorio: via libera all’aumento della capienza per stadi, cinema e teatri

Redazione

Coronavirus, scuole chiuse nel comune vesuviano ​che ospita più cinesi

Redazione

Contagio choc da Fisciano a Sarno. 200 in quarantena

Redazione

Covid19 – A Sarno altri 3 positivi. Arrivano a 10 i casi

Redazione

Covid – Positiva persona residente a Sarno. Tornava da viaggio

Redazione