Attualità Primo Piano

Trova portafogli pieno di soldi e lo restituisce. Poche parole: “Solo senso civico ed onestà”

Ritrova un portafogli con all’interno 1000 euro e va alla ricerca del proprietario per restituirglielo, quando lo trova rifiuta la ricompensa. Un gesto di ordinaria onestà.  E’ accaduto nei locali del pronto soccorso di Sarno, dove un imprenditore di San Giuseppe Vesuviano, era arrivato accompagnato da un familiare perché in preda ad un malore. Curato e dimesso, l’imprenditore non si era accorto che nel trambusto gli era caduto il portafogli con all’interno ben mille euro in contanti e vari documenti. A ritrovarlo, nella sala d’attesa del pronto soccorso, è stata la guardia giurata della vigilanza Cosmopol di Avellino, Aniello Annunziata che ha subito avviato la ricerca del proprietario. Ha analizzato i documenti e da quelli ha cercato un numero di telefono utile per risalire all’uomo. Dopo vari tentativi è riuscito a rintracciare l’imprenditore napoletano. Annunziata a quel punto lo ha incontrato per restituire quanto smarrito. L’imprenditore ha anche offerto una ricompensa di 200 euro che la guardia giurata ha rifiutato. Un gesto naturale di ordinaria onestà. Annunziata risponde con poche parole, riservato e schivo davanti alle domande, nonostante non sia nuovo a gesti di altruismo ed umanità. “E’ una cosa normale, si tratta di senso civico, rettitudine e legalità”. Aniello Annunziata è stato più volte definito il vigilantes- eroe, per i tanti interventi tempestivi che spesso hanno evitato tragedie gravi. Tante azioni che ha raccontato anche a Papa Francesco nel febbraio 2014 e che lo hanno portato al cospetto dell’ex presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, dal quale ha ricevuto la medaglia al valore per il senso di dovere dimostrato.   Ex carabiniere, ora guardia giurata, Annunziata, 43 anni, sprezzante del pericolo, in più occasioni ha dimostrato l’attaccamento alla divisa e l’alto senso civico. Ha sventato una rapina ai danni di una coppia di Scafati, sull’area di un autogrill nella zona di Pomigliano D’Arco, evitando il peggio.  Nel gennaio 2013 ha salvato  la vita ad un uomo che nel tentativo di suicidarsi aveva già collegato con un tubo la marmitta all’abitacolo dell’auto. Annunziata, vista l’auto fermata e la nube di gas all’interno, si era subito fermato, aveva rotto il vetro con un colpo di gomito tirando fuori l’uomo e praticandogli le manovre di pronto soccorso per rianimarlo. Ed ancora  prima  aveva sventato un’altra rapina a Baronissi. 

Articoli correlati

Le rubano foto e si ritrova su sito di incontri. La denuncia di Claudia

Redazione

Maltempo in arrivo, temperature in picchiata e rischio gelate

Redazione

“Vogliamo un’ambulanza!” e pestano infermiere ed autista del 118

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy