Notizie Primo Piano Attualità Brevi

Terravecchia sfregiata dai vandali, il Comune prova a rimediare, ma peggiora la situazione

Senza titolo-1

Misere dediche d’amore e ridicole scritte deturpano la storia di Sarno. I residenti chiedono a gran voce un sistema di video sorveglianza per proteggere Borgo San Matteo

Vandali in azione a Borgo San Matteo. Scritte e disegni con vernice spray stanno deturpando il borgo antico della città. Uno scempio che si consuma quotidianamente nonostante le numerose segnalazioni dei residenti e la richiesta di sistemare delle telecamere di videosorveglianza. Questa mattina a Terravecchia sono arrivati gli operai del Comune di Sarno col compito di cancellare le scritte e si è aggiunto un ulteriore sfregio. Con pennello e pittura azzurra le frasi sono state coperte. Così, delle grosse macchie ora tappezzano il borgo, dalle mura antiche alle scale. A lanciare un appello sia ai suoi concittadini che alle istituzioni è Anna Mancuso, residente della zona. “Il mio appello è rivolto a tutti. Sono stanca di vedere il posto in cui sono nata deturpato e lasciato morire dalle amministrazioni passate e presenti. Lunedì ho segnalato l’ennesimo atto di vandalismo al Comune,ai danni della nostra storia. Il Comune ha pensato di risolvere il problema passando altra pittura sopra. Non ci vuole un laureato o un ingegnere per capire che bastava del diluente e tanto olio di gomito per cancellare. Quello che ho chiesto sono delle telecamere,dei cartelli di divieto che siano fatti rispettare con controlli della polizia. Sarebbe opportuno anche valorizzare la nostra storia con cartelli che possano raccontare Borgo San Matteo. Oggi la soluzione allo scempio è stato un ulteriore scempio. Voglio rivolgermi ai ragazzini di Sarno e dire di non rovinare la storia della nostra città. Di andarne fieri, di decantate la bellezza di San Matteo e di non deturparla. Non è da tutti avere un centro storico cosi”.

Articoli correlati

Diventa mamma a 14 anni, l’ospedale allerta i servizi sociali

Redazione

Aggredito davanti alla disco: ragazzo rischia la vista

Redazione

Finti operai Gori: “Pagate o stacchiamo il contatore”. E’ una truffa

Redazione