Sarnese, sfortunato pareggio con il Nola

Redazione
Da Redazione novembre 25, 2018 18:06

Sarnese, sfortunato pareggio con il Nola

La Partita

Pareggio per 1-1 della Sarnese nel derby con il Nola. I granata possono recriminare per un arbitraggio apparso sotto tono e per almeno tre decisioni discutibili della eterna. Tre episodi fondamentali potevano scrivere un risultato diverso.

L’arbitro ha annullato un gol apparso regolare e non ha ritenuto di punire con il rigore una trattenuta determinante in area nolana e un evidente fallo di mani di un difensore ospite. Il Nola, dal canto suo, ha fatto la sua gara di esperienza, riuscendo a rimontare la rete di svantaggio e amministrando fino alla fine. Cusano ha fatto esordire dal primo minuto l’esterno caruso, che lo ha premiato col gol. Parte bene la Sarnese che, al 2’, trova il primo tiro con Sellitti che intercetta un rimpallo, ma conclude male. Al 5’, padroni di casa in vantaggio. Caruso riceve sulla destra, entra in area e batte Gragnaniello. Al 15’, è Langella ad essere impreciso dalla distanza. Al 17’, primo sussulto ospite. Stoia, in area, si ritrova sui piedi un pallone vagante. La punta si gira e tira, ma Mennella è bravo a toccare quel tanto che basta per mandare sulla traversa. Al 36’, Maione parte sul filo del fuorigioco, raccoglie un lungo assist di Langella e realizza, ma l’arbitro annulla. Al 38’, pareggio del Nola. Troianiello da destra crossa e trova l’inzuccata vincente di Esposito. La Sarnese chiude la frazione in attacco e su un corner, in recupero, viene atterrato sulla linea della porta Maione. L’arbitro fischia la fine del primo tempo.

Nella ripresa, i granata sembrano più freschi, ma poco lucidi, al 13’, Maione dalla distanza manda a a lato. Al 17’, sempre Maione rovescia debolmente. Al 22’, ancora Maione si gira e mira al palo lontano, ma il portiere ospite si supera deviando in corner. Al 29’, D’Anna, in area Nolana, stoppa di mano un cross per Maione. L’arbitro lascia proseguire. Girandola di sostituzioni e gioco frammentato per il campo pesante trascinano, poi, la gara fino al triplice fischio.

Di Gaetano Ferrentino

Tabellino


Sarnese
(4-3-1-2): Mennella, Adamo, Terracciano (9’ st Cassata), Sorriso, Girardi, Tortora, Caruso (15’ st Cinque), Langella, Maione, Mariani, Sellitti (12’ st Cacciottolo). A disp.: Montella, Muollo, Carginale, Varriale, Pantano, Sannia. All: Cusano
Nola (4-4-2): Gragnaniello (20’ pt Capasso), Lippiello, Anzalone, Del Prete (27’ st Olivieri), D’Anna, Esposito P., Troianiello (30’ st Colonna), Vaccaro (38’ st Colarusso), Esposito G., Scielzo, Stoia (20’ st Tagliamonte). A disp.: Mocerino, Paradisone, Madonna, Del Prete S. All.: De Sarno
Arbitro: Gregoris di Pescara
Reti: 5’ pt Caruso (S), 38’ pt Esposito G.

Note: spettatori 500 circa. Amminiti Girardi, Lippiello, Vaccaro, Esposito G. e Colarusso. Angoli 3 a 5 per il Nola. Recupero: 3’ pt, 4’ st.

Intervista

A fine gara, Pompilio Cusano commenta amareggiato: 2Abbiamo disputato una delle migliori gare della stagione. Abbiamo molto da recriminare per l’arbitraggio. A mio avviso, il gol annullato a Maione era regolare e su due episodi di calci piazzati ci sentiamo penalizzati perché ritengo che ci fosse un rigore. Abbiamo giocato a viso aperto contro un avverso più esperto di noi e ai punti avremmo meritato la vittoria. Sono contento per il gioco che sta crescendo e questo ci fa ben sperare per l’obiettivo stagionale che è la salvezza”

Redazione
Da Redazione novembre 25, 2018 18:06

Seguici su…