Attualità Brevi Primo Piano

Il guru del macrobiotico è cittadino onorario: imbarazzo e polemiche a Sarno

Il guru della dieta macrobiotica accusato di essere a capo di una psicosetta e di aver ridotto in schiavitù gli adepti attraverso maltrattamenti e minacce è cittadino onorario. Imbarazzo e polemiche a Sarno per l’ onorificenza a Mario Pianesi, conferita lo scorso dicembre. E c’ è già chi propone di revocare il riconoscimento e cancellarne il nome dal catalogo dei cittadini onorari della città dei Sarrasti. Pianesi fu ospite il 5 dicembre del consiglio comunale che conferì la cittadinanza onoraria «come riconoscimento e gratitudine per i suoi meriti scientifici ed umanitari a livello nazionale ed internazionale e per aver ideato il progetto Un Bosco per la Città, adottato a Sarno; per aver, più in generale, promosso e realizzato, fin dai primi anni 70, un modello di sviluppo sostenibile che tutela e recupera l’ ambiente con progetti e metodi di agricoltura naturale che portano ad una migliore alimentazione donando salute a tutta la popolazione ed ottenendo, in economia, un effettivo risparmio di risorse ambientali ed umane». Il riconoscimento ricevuto potrebbe essere cancellato, come già accaduto pochi giorni fa a Bologna, subito dopo l’ inchiesta. Pianesi, infatti, di sua spontanea volontà ha riconsegnato al comune la «Turrita D’ Oro» che gli era stata assegnata nel 2014. Indagato in seguito alle grave accuse di alcuni suoi ex seguaci, il papà del macrobiotico è finito al centro di un’ inchiesta condotta dalla Procura di Ancona in cui si ipotizzano i reati di associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, maltrattamenti, lesioni aggravate, evasione fiscale, esercizio abusivo della professione medica. Le indagini della polizia di Ancona hanno permesso di smantellare la rete con a capo Pianesi; si tratterebbe di una vera e propria setta, attiva tra le Marche e l’ Emilia Romagna, fondata sui benefici, detti miracolosi, di una dieta capace, a suo dire, di curare diverse patologie anche molto gravi. La setta, approfittando della fragile condizione psicologica delle vittime, attraverso un rigido controllo dell’ alimentazione le avrebbe manipolate portandole a elargire denaro. Gli adepti, da quanto emerso dalle indagini, sarebbero stati ridotti in schiavitù attraverso privazioni, soprusi, minacce per prestazioni sessuali

Articoli correlati

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

Case fuorilegge: dichiarate in costruzione, ma in realtà abitate 

Redazione

Bilancio partecipativo: ecco i termini per presentare le proposte

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy