Sarno Notizie
Agro Nocerino SarneseAttualitàSalernoSarno

Truffa online, 56mila euro sottratti in banca. Nei guai un uomo di Sarno

Truffa online, 56mila euro sottratti a correntista: nei guai 3 persone di Sarno e Salerno

La polizia postale di Bari ha smascherato una banda dedita alle truffe informatiche. Nei guai sono finiti un uomo di Sarno e due persone dell’hinterland vesuviano. Tutto è nato da un’attività d’indagine della polizia postale di Bari, che ha recentemente concluso un’importante indagine che ha chiuso il cerchio su un gruppo, con base tra Sarno ed i Paesi vesuviani, specializzata in truffe informatiche

Come riporta il quotidiano “Cronache di Salerno”, i tre presunti responsabili avrebbero indotto un uomo a rivelare i codici personali dell’home banking, svuotandole il conto corrente on line.

La vittima si era rivolta alla Polizia Postale dopo che era stato raggirato e derubato di una cospicua somma. Ha raccontato di aver ricevuto dapprima un messaggio “Gentile cliente, per motivi di sicurezza la sua utenza sta per essere sospesa la invitiamo a verificare…” invitandolo a cliccare un determinato “link”.

Successivamente telefonicamente spacciandosi per operatori dell’istituto bancario avrebbero indotto il cliente a comunicare i codici ricevuti tramite sms e che venivano utilizzati per modificare i dati del conto corrente associato all’utente. 

Le indagini preliminari condotte dalla polizia postale hanno portato all’identificazione dei tre indagati, che ora saranno sottoposti a interrogatorio presso il Tribunale di Salerno. I tre sono assistiti dall’avvocato Emanuele Esposito .

Articoli correlati

VIDEO| Indennità: Crescenzo aveva proposto la rinuncia al 100%

Redazione

Salerno, oggi la protesta degli agricoltori: attesi 100 trattori

Redazione

Raccolta differenziata, nasce un cartone animato. Il protagonista è lui…

Redazione

Traffico illecito di rifiuti, cinque indagati

Redazione

Scabbia all’ospedale, paziente contagia medici ed infermieri

Redazione

Coronavirus, chiusa “la Sonrisa”. Positivo un dipendente del Castello

Redazione