San Marzano Sul Sarno Notizie Primo Piano Sarno Cronaca Salerno

Torna il terrore dei roghi a Sarno, caccia ai piromani

Torna il terrore dei roghi a Sarno. Le fiamme si sono levate nell’ex cava Cordasco in località Foce, nel polmone verde della città.

 
Incendiati cumuli di rifiuti di ogni genere. A quanto pare, dalle prime indiscrezioni, nell’area ci sarebbero state plastiche e solventi, taniche e vernici, lastre in ferro e probabilmente eternit. Una colonna di fumo nero e denso, nella tarda mattinata di ieri si è levata in periferia, a pochi passi dalla sorgente del fiume Sarno. È stato un volontario dell’ Associazione Kronos di Salerno ad accorgersi delle lingue di fuoco che stavano avvolgendo le cataste di materiale di risulta e rifiuti e si stavano propagando con estrema rapidità minacciando anche le aree circostanti.
 
Sul posto è stato immediato e provvidenziale l’ intervento dei vigili del fuoco, i volontari della protezione civile, le forze dell’ ordine. In zona l’ operazione è durata diverse ore, prima che i caschi rossi riuscissero a domare l’ incendio e mettere in sicurezza. L’ ipotesi per adesso presa in considerazione dagli investigatori è che possa trattarsi di una azione dolosa.
 
Solo poche settimane fa le fiamme erano divampate in un’ altra ex cava, anche in quel caso i rifiuti all’ interno furono ridotti in cenere con grave rischio ambientale. Si sta ora valutando anche l’ intervento dell’ Arpac in zona, dopo che il materiale plastico andato in fiamme ha sprigionato una nube nera nell’ area periferica. Ed a Sarno ritorna ancora l’ incubo roghi, nonostante una massiccia campagna anti incendio e una operazione che ha portato ad intensificare i controlli e a realizzare una rete di videosorveglianza nelle aree più critiche.
 

Incendio anche a San Marzano sul Sarno.

 
Potrebbe essere di origine dolosa l’ incendio divampato nella notte tra sabato e domenica nel piazzale esterno di un’ azienda che lavora inerti e calcestruzzi del gruppo Coires, nella zona industriale di Taurana, traversa quarta di via Alessandro Manzoni. Le fiamme hanno danneggiato due veicoli industriali che erano parcheggiati nell’ area esterna. Fortunatamente il rogo è stato domato prima che provocasse ulteriori danni. L’ allarme scattato intorno alle 3, è stato dato tempestivamente, consentendo ai vigili del fuoco di intervenire prima che fosse troppo tardi. Indagano i carabinieri della locale stazione, insieme ai colleghi del reparto territoriale di Nocera Inferiore, coordinati dal tenente colonnello Rosario Di Gangi.
 
Non si escludono ipotesi. Bisognerà, prima di tutto, stabilire la natura del rogo. Al momento, gli investigatori non escludono il dolo. Se tale ipotesi dovesse trovare riscontri nel lavoro di chi indaga, si dovrà cercare di capire chi abbia potuto appiccare il fuoco, e, soprattutto, il perché. Il rappresentante legale dell’ azienda, che fa parte del gruppo Coires, è stato sentito dai carabinieri ai quali ha riferito di non aver mai ricevuto minacce né richieste estorsive. Sul posto i vigili del fuoco dei distaccamenti di Nocera Inferiore e Sarno, che hanno circoscritto l’ incendio, impedendo che si propagasse ulteriormente, intaccando lo stabilimento industriale o danneggiando altri mezzi parcheggiati nel piazzale esterno.
 
 

Articoli correlati

Coronavirus: Speranza, “bisogna chiudere, non aprire”

Redazione

Covid: La Campania a rischio zona rossa

Redazione

41 terremoti ieri nel cratere del Vesuvio

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy