Terzigno Napoli

Terzigno: nasce il Polo Turistico Vesuviano

Terzigno: nasce il Polo Turistico Vesuviano

Nasce il Polo Turistico Vesuviano: sindaci e rappresentanti degli enti hanno sottoscritto la lettera d’intenti. Subito un master plan del PTL – Area Vesuviana

Dieci rappresentanti degli enti di un’area omogenea di Territorio Vesuviano hanno deciso di sottoscrivere la Lettera d’Intenti nel corso dell’incontro che si è tenuto Giovedì 27 maggio nell’Aula Consiliare del Comune di Terzigno. E’ nato così il Polo Turistico Locale (PTL) dell’Area Vesuviana, a cui hanno già aderito nove comuni, l’Osservatorio Permanente del “Centro Storico” del Comune di Napoli e manifestato l’intenzione di aderire il Parco Nazionale del Vesuvio oltre ad altri comuni dell’Area che non hanno potuto, per vari motivi, presenziare di persona alla sottoscrizione.
Il Comune di Terzigno, in collaborazione con l’Osservatorio Sito UNESCO, ha proposto questo accordo per la realizzazione di un percorso turistico negli enti aderenti anche per l’inserimento nel programma degli eventi che si terranno in occasione di Procida 2022 – Capitale Italiana della Cultura.

L’accordo tra i comuni.

I Comuni presenti che hanno sottoscritto, dopo una serie di incontri per finalizzare un primo accordo iniziale, oltre all’Osservatorio UNESCO, sono stati Terzigno, come Ente proponente Capofila, Boscoreale, Boscotrecase, Massa di Somma, Poggiomarino, San Giuseppe Vesuviano, Sant’Anastasia e Torre Annunziata. Altri Comuni hanno già manifestato la volontà di aderire.

Il Polo Turistico Locale – Area Vesuviana.

Il costituendo Polo Turistico Locale – Area Vesuviana è nato in considerazione del fatto che la Regione Campania, con la Legge regionale n. 18 del 2014, interviene per definire e sostenere le azioni volte al rafforzamento ed alla qualificazione del sistema turistico regionale, definire le politiche di valorizzazione coordinata delle risorse turistiche, oltre che promuovere e consolidare l’immagine unitaria del sistema turistico regionale, valorizzando il patrimonio nell’ambito delle Comunità Territoriali, per assumere iniziative proprio di sviluppo turistico in rete.A breve il Polo si doterà di un master plan realizzato in accordo tra gli enti per delineare tutte le attività, definire gli attrattori turistici in ogni Comune, al fine di realizzare un sistema locale di offerta turistica integrata. Un progetto da porre subito all’attenzione dell’Assessorato regionale guidato da Felice Casucci.

 

Articoli correlati

«Carmine è un problema». L’agguato al pentito che minacciava gli affari

Redazione

Spiaggia invasa da galline morte provenienti dal fiume Sarno

Redazione

Allerta meteo in Campania prorogata fino alla mezzanotte di oggi: rischio frane

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy