Brevi Cronaca Primo Piano

“Scavate, ci sono rifiuti tossici e radioattivi”. Denuncia choc a Sarno

“Scavate, ci sono rifiuti tossici e radioattivi interrati”. Una bomba ecologica sotto i piedi. E’ una lettera dettagliata e circostanziata, riportante addirittura le coordinate di google maps, a rivelare e denunciare la probabile presenza di rifiuti pericolosi nascosti sotto terra a Sarno già negli anni ’70. Una segnalazione che si unisce a quelle degli ultimi 40 anni, un po’ raccontate sottovoce; una vicenda della quale molti sono a conoscenza, ma che pare non essere mai stata approfondita e verificata. L’accusa, nero su bianco, è arrivata sul tavolo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore; indirizzata anche al ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, Sergio Costa, al sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora. A scrivere è un “anonimo” che riporta quanto dettagliatamente ricostruito da una persona anziana che “ha chiesto non venisse rivelata l’identità per timore di eventuali ritorsioni da parte della criminalità”. “I siti in questione sono tre. – si legge – Una cava di tufo a Fossalupara, dove sono stati interrati centinaia di fusti contenenti le scorie radioattive provenienti dalle prime centrali nucleari del nord Europa, rinvenibili già a pochi metri di profondità. Vi sono, poi, ulteriori due appezzamenti di terreno siti a poche centinaia di metri dalla cava in cui sono stati interrati altri fusti il cui contenuto è di sicura natura tossica. Il rischio di contaminazione ambientale risulta elevatissimo, ed in particolare è connesso al percolato radioattivo che avrà sicuramente già intaccato la falda acquifera. Solo nell’ultimo anno, si è riscontrato il decesso di un bambino di qualche anno di vita e di un insegnante di 40 anni, entrambi per leucemia, residenti in zona. Chiedo, pertanto, accoratamente di procedere ad effettuare ogni accertamento utile a riscontrare la veridicità del presente esposto. D’altra parte, la mera rilevazione dei livelli di radioattività nella cava potrebbe essere effettuata con costi veramente contenuti, utilizzando un apposito rilevatore”.

Articoli correlati

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

Mamma costringe la figlia di 12 anni a prostituirsi per 5 euro

Redazione

Aversa – Sarnese, dirige Perissinotto di San Donà di Piave

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy