Sarno Notizie
AngriAttualità

Angri, avvocato nasconde in casa reperti archeologici

Il professionista ha dichiarato di averli ricevuti in eredità

I carabinieri hanno scoperto e posto sotto sequestro 125 reperti archeologici che un avvocato aveva in casa ad Angri. Come riporta il quotidiano “La Città”, il professionista ha anche cercato di giustificarsi dicendo che gli erano stati dati in eredità ma la documentazione esibita non era valida.

I militari del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli hanno sequestrato 125 reperti archeologici di particolare pregio, tra cui vasellame decorato, statuette fittili, utensili e oggetti ornamentali databili tra il IX sec. a.C e il I sec. d.C., ascrivibili in gran parte all’area campana, e 64 monete in oro, argento e bronzo databili tra il III sec. a.C. e il VII sec. d.C. I reperti più antichi potrebbero probabilmente arrivare da necropoli della Valle del Sarno, presumibilmente tra San Marzano sul Sarno, Sarno, Poggiomarino e Palma Campania

 

Articoli correlati

Sarno, tre interventi salvavita in poche ore. L’ospedale resiste, ma bisogna aiutarlo…

Redazione

Senza acqua da stasera a Sarno. L’avviso di Gori

Redazione

In ospedale chiedono da mangiare, il vigilante buono li porta al ristorante

Redazione

Profumi contraffatti per San Valentino: scoperte 2 fabbriche

Redazione

Auto rubate, arrestato carrozziere ad Ottaviano

Redazione

Aurelio De Laurentiis positivo al Coronavirus

Redazione