AttualitàBrevi

Sarno – Nasce il rifugio per i cani abbandonati

Fenomeno randagismo fuori controllo: aggiudicati i lavori per realizzare un rifugio con la somma di 24 mila euro. Nascerà in via Sarno Striano, località Faricella, il ricovero per animali che vagabondano lungo le strade della città, dal centro alle periferie. L’obiettivo del progetto è quello di creare una zona di accoglienza provvisoria e fare prevenzione. Il rifugio provvisorio per cani randagi ha il fine di raccogliere gli animali abbandonati, fornire le cure necessarie per preservarli da particolari malattie, eventualmente curarli, rieducarli e, in fase successiva, inserirli in una nuova famiglia di adozione. “L’idea del rifugio – ha detto il sindaco, Giuseppe Canfora – è una scelta civile per tutelare centinaia di animali domestici che, purtroppo e troppo spesso, sono abbandonati al loro destino. In tal senso il comune ha già avviato da tempo una campagna di sensibilizzazione contro l’abbandono dei cani e il fenomeno delle deiezioni in aree pubbliche”. I lavori del rifugio se li è aggiudicati una ditta di Sarno e presto saranno anche cantierizzati. “Finalmente c’è un progetto concreto di prevenzione al randagismo sul territorio comunale – afferma Maria Bellomo, consigliere delegato alla lotta al randagismo. – Il rifugio per cani abbandonati rappresenta un concreto modello di gestione, che ci consentirà anche di risparmiare notevoli somme. Tale risultato è frutto del lavoro in sinergia con l’assessore ai lavori pubblici Michele Ruggiero, che si è prodigato per definire l’iter tecnico-amministrativo dell’opera”.

Articoli correlati

Caso Diprè in tribunale. Canfora dà mandato ai legali

Redazione

Tempo di crisi? Natale e Regali low cost da Retrò: originali ed economici

Redazione

Neonato trovato morto in strada, fermati marito e moglie

Redazione

Incendio all’Interporto di Nola, interviene l’Esercito

Redazione

Minacce e tentata aggressione a studenti: da domani scuole pattugliate dalla polizia

Redazione

Il 16enne dell’incendio: “Chiedo perdono. Ora non dormo più”

Redazione