Sarno Notizie
CronacaNotizie Primo PianoSarno

Sarno, caccia ai baby bulli: i carabinieri visionano le immagini delle telecamere

Acquisite le immagini della video sorveglianza 

Telecamere al setaccio per identificare gli aggressori dei ragazzi minacciati con un coltello. Intanto, il Comune chiama la Prefettura. I residenti denunciano episodi gravi di bullismo avvenuti già in precedenza, quasi con la stessa modalità. Acquisite dai carabinieri della locale stazione, coordinati dal reparto Territoriale di Nocera Inferiore, i fotogrammi dei sistemi di videosorveglianza privati e pubblici. Sotto la lente di ingrandimento gli occhi elettronici di Prolungamento Matteotti, piazza Marconi, via Piave: le strade dove i ragazzini sono scappati per sfuggire all’aggressione di ragazzini tra i 13 ed i 14 anni.

Indagini in corso

Le indagini sono concentrate anche sulla ricostruzione fornita dai ragazzini vittime delle minacce e dai genitori che avrebbero raccolto le prime informazioni anche da alcune persone presenti in piazza al momento dell’accaduto. Probabilmente, saranno ascoltati anche alcuni titolari di esercizi commerciali della zona. Dall’amministrazione comunale un sollecito al prefetto di Salerno per avere più uomini e mezzi per controllare un territorio molto vasto, anche alla luce degli ultimi accadimenti.

Le telecamere potrebbero aver ripreso l’intera azione dal primo alterco nei pressi di una yogurteria al prolungamento Matteotti, fino alle minacce con un coltello puntato alla gola tra piazza Marconi e via Piave. Saranno le indagini a chiarire cosa è successo e soprattutto ad identificare i protagonisti. Ci sarebbero già elementi utili a chiudere il cerchio. Il primo racconto della serata di sabato è di Salvatore, un ragazzino di 10 anni, e di un suo amico che hanno riferito di essere stati seguiti e minacciati. A sporgere denuncia sono stati i genitori che hanno ritrovato i figli, usciti per una passeggiata, tremanti e terrorizzati. Quattro i minori che li avrebbero aggrediti. A raccontarlo è stata la mamma Rosaria.

«Mio figlio è stato bloccato mentre scappava verso via Piave»

 «Mio figlio e gli amici erano stati in pizzeria e, poi, alla yogurteria. Lì sono stati avvicinati da questo gruppo che li ha minacciati. Sono scappati verso la piazza ma sono stati raggiunti.
Sono stati accerchiati ma sono riusciti a divincolarsi e correre via. Mio figlio è stato bloccato mentre scappava verso via Piave. Lì è stato preso a schiaffi e minacciato con un coltello alla gola. Sono intervenute delle persone per fortuna, hanno cercato anche di fermare gli aggressori, ma sono fuggiti». Ed alcuni residenti, intanto, hanno segnalato situazioni simili che si sarebbero verificate anche alcune settimane fa. «Non è la prima volta.
Ci sono risse tra ragazzini continuamente, anche molto violente in strada ed in piazza», riferiscono.

Articoli correlati

Muore per aneurisma, donati gli organi di un 43enne di Sarno

Redazione

Meteo Campania: arriva Buran con pioggia e gelo 

Redazione

Maltempo: allerta Arancione sulla costiera sorrentino-amalfitana e monti di Sarno

Redazione

Cagnolino azzannato ed ucciso da pitbull a Salerno

Redazione

“La precedenza era mia”. Giù pugni e schiaffi

Redazione

Sarnese record: incassa solo 22 euro. La società ironizza…

Redazione