Sarno Notizie
Notizie Primo PianoSalernoSarno

Risarcimento vittime frana, a Draghi l’Sos di Canfora

Frana, risarcimenti ai parenti delle vittime lite Stato – Comune, a Draghi l’ Sos di Canfora

Lo Stato contro il Comune per i risarcimenti ai familiari delle vittime della frana, la lettera del sindaco Giuseppe Canfora è nelle mani di Draghi. «Ho consegnato personalmente al presidente Mario Draghi la lettera sui risarcimenti che potrebbero portare il comune al dissesto finanziario».

Così la deputata, Virginia Villani, del Movimento 5 Stelle è intervenuta in una vicenda che sta destando preoccupazione e che rischia di portare l’ente comunale al tracollo.

Lo scontro tra Stato e Comune, con al centro una vicenda lunga 23 anni, 137 vittime, è il primo caso in cui le responsabilità di un disastro ambientale sono state attribuite alle istituzioni. Condannato l’ex sindaco, Gerardo Basile, e responsabilità civili riconosciute alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno ed al Comune di Sarno. Oggi dinanzi alle somme versate dallo Stato ai familiari delle vittime, e poi, richieste nuovamente al Comune, si rischia il fallimento finanziario.

«Sarno è il paese dove vivo e non posso restare a guardare. Ho raccolto l’appello del sindaco Canfora. Il mio obiettivo, da quando sono in Parlamento, è lavorare in sinergia con tutte le amministrazioni per il bene delle comunità del territorio. So bene che quello di Sarno è un problema molto delicato e complesso per questo affiancherò l’ ente comunale e sosterrò la sua richiesta».

Il Sindaco di Sarno

 «Da sindaco mi sarei aspettato un aiuto dalla Stato e non la guerra – così aveva scritto il primo cittadino – Aiutate la mia città che ha già sofferto abbastanza. Lo Stato, da una parte istituisce un fondo per salvare i comuni dal dissesto dall’ altra agisce contro il Comune di Sarno ed addirittura trattiene somme a noi assegnate. Mi rivolgo alle massime cariche non per me stesso, ma per i miei cittadini ed il futuro».

Ad intervenire anche l’assessore con delega alla ricostruzione, Eutilia Viscardi. «Il motivo per cui gli organi ministeriali ci trascinano in Cassazione è molto semplice: stiamo ottenendo una serie di sentenze della Corte di Appello di Salerno volte a stabilire, una volta che il Ministero ha provveduto al pagamento delle somme in favore dei parenti delle vittime, grazie ai loro avvocati, non possono rivolgersi al Comune di Sarno per il rimborso, che è escluso dal regresso.

Otteniamo anche la condanna degli enti statali al pagamento delle spese legali. Se non vincessimo, non ci farebbero causa, se non vincessimo, da tempo la politica a Sarno sarebbe estinta, ci sarebbero i commissari prefettizi. Occorre un nuovo provvedimento legislativo, con il quale la politica metta fine ai contenziosi con il Comune». 

Articoli correlati

Ladro e devastatore arrestato, rimesso in libertà dopo 1 giorno

Redazione

Sanremo 2015 – conosciamo i Big. Bianca Atzei: “Il solo al mondo”

Redazione

Quarantena «elastica» nel Vallo in tanti aggirano i posti di blocco

Redazione

Progetto milionario per la piazza a Masseria della Corte

Redazione

Gustarosso un altro passo per i playoff

Redazione

Covid in provincia di Salerno: risalgono i contagi

Redazione