Sarno Cronaca

Addio ad Annamaria, uccisa dal marito. Dolore a Sarno

Non ce l’ha Annamaria Ascolese. 

Non ce l’ha Annamaria Ascolese, 49 anni, colpita co diversi colpi di pistola, dal marito, Antonio Boccia, 59 anni, che subito dopo si è suicidato. Entrambi originari di Sarno, ma trasferiti a Marino, Roma.

La donna era stata sottoposta ad un primo intervento chirurgico e le condizioni erano stabili. Purtroppo, il quadro clinico è precipitato nella serata di ieri. La notizia della morte dell’insegnante, tanto amata, è giunta nella città di Sarno questa mattina, lasciando sgomenta la comunità.

Tanti i messaggi di cordoglio ed i pensieri di ricordo di una figura che per tante generazioni è stata un punto di riferimento. La sua vita impegnata nel sociale, nella politica della città di Marino e nelle campagne contro la violenza sulle donne.

Annamaria è l’ennesima vittima di femminicidio, una violenza cieca.

LA TRAGEDIA

Il dramma si è consumato venerdì scorso. Impegnata in politica ed in campagne contro la violenza sulle donne, finisce sotto i colpi di pistola del marito che poi si suicida con un proiettile al cuore.

Cinque colpi hanno risuonato, mettendo fine ad un rapporto che negli ultimi tempi era logorato da quella che a molti sembrava una vera ossessione di Antonio. Geloso, lo aveva raccontato Annamaria ad un’ amica, tanto da pedinarla.  Lei aveva già deciso di andare via, lasciare casa, probabilmente intenzionata a tornare a Sarno.

Antonio Boccia quando è tornato a casa, in una villetta di via Costacaselle, ha subito armato la sua mano ed esploso cinque colpi contro la moglie, raggiunta al torace, ad una gamba e ad un braccio, mentre tentava di scappare. Poi, il vicebrigadiere si è portato nel salone di casa ed ha puntato la pistola al petto. Un solo colpo. A dare l’ allarme sono stati i vicini, scossi dalle urla disperate di Annamaria e da quei colpi sordi di pistola. Sul posto l’ ambulanza del 118, gli uomini del commissariato di Marino.

Dinanzi agli agenti una scena agghiacciante: Annamaria ancora agonizzante riversa in un lago di sangue, Antonio ormai senza vita accasciato a terra con accanto la pistola. In condizioni disperate, la 50enne era  stata trasportata all’ ospedale San Camillo con l’ eliambulanza.

 

 

Articoli correlati

Neonato trovato morto in valigia, il dramma a Vallo della Lucania

Redazione

Angri.Falsificano bilanci per non pagare le tasse. Sequestrati i beni

Redazione

Troppi positivi, il sindaco chiude le scuole a Scafati

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy