CasertaCronacaScafati

Accusato di rapina a Scafati, 16enne si suicida: “Mamma perdonami”

Era accusato accusato di rapina aggravata in concorso con altri ragazzi, per fatti avvenuti a Scafati

Un ragazzo di 16 anni è stato ritrovato impiccato in un bagno di una comunità di recupero a Villa di Briano, in provincia di Caserta. Accanto al corpo senza vita del giovane – come riporta “Il Mattino” c’era anche un biglietto nel quale il ragazzo avrebbe preannunciato l’estremo gesto. «Mamma, questo è per te, perdonami. Non è colpa tua, ma te lo avevo detto che in comunità non ci volevo stare»  

Sul posto i carabinieri della Compagnia di Aversa, che stanno svolgendo le indagini; sul corpo è stata disposta l’autopsia dalla Procura di Napoli Nord.

Il giovane era accusato di rapina aggravata in concorso con altri ragazzi, per fatti avvenuti a settembre a Scafati, la rapina di un Iphone.

 

Articoli correlati

Oleg: hockey e pattini. Il sogno dall’Ucraina a Sarno

Redazione

“Il mercatino rionale è storia ed economia territoriale. Difendiamolo”

Redazione

Consorzio di Bonifica, ritorna l’avvocato Rosario D’Angelo

Redazione

Villa Lanzara, polo attrattivo di cultura, ambiente e turismo

Redazione

Vaccini, un milione dosi Pfizer alle Regioni entro 24 ore

Redazione

Amianto killer, edifici da abbattere su tutto il territorio

Redazione