Brevi Cronaca

Napoli, 19enne spara contro i carabinieri: arrestato insieme al nonno

Evaso dai domiciliari, ha sparato contro i carabinieri. E’ successo nel napoletano, dove l’autore del gesto, un 19enne ritenuto vicino alla criminalità organizzata, è stato arrestato insieme al nonno 60enne che lo aveva aiutato a nascondere la pistola. I carabinieri avevano notato a Casandrino uno scooter senza targa con a bordo due ragazzi col volto coperto che, alla vista dei militari, erano scappati. Durante l’inseguimento, il passeggero ha sparato verso i carabinieri colpendo l’auto. Tramite il bossolo è stato individuato il responsabile che è stato cercato nell’abitazione del nonno. L’uomo, Francesco Di Matteo, 60enne, detto ‘Bombolone’, già noto per rapine e associazione a delinquere e ritenuto affiliato al clan camorristico dei Verde attivo a Sant’Antimo, quando i militari hanno bussato alla porta non ha aperto ma quasi subito da una finestra sul retro della sua villetta è volata una pistola. Il 60enne è stato arrestato per la detenzione illegale e sottoposto all’obbligo di dimora e di firma.

Qualche ora dopo, a Giugliano in Campania, i militari hanno arrestato il nipote 19enne, anch’egli ritenuto contiguo al clan Verde e già sottoposto all’obbligo della permanenza in casa per una rapina commessa da minorenne. Il giovane si è consegnato ed è stato sottoposto a fermo per tentato omicidio, porto e detenzione illegale di arma da sparo e munizioni nonché ricettazione.

Articoli correlati

Unisa: taglio del nastro per nuova aula didattica

Redazione

Frana – Emendamento beffa? Il Comune si salva, i familiari delle vittime rischiano i risarcimenti

Redazione

Il nuovo direttivo della protezione civile: “Cresciamo insieme con lavoro e passione”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy