Notizie Primo PianoCronacaBrevi

Intervista alla mamma di Enza Avino: «Ho salvato il suo fidanzato e lui l’ha uccisa senza pietà»

«Perché nessuno ha aiutato la mia Enza? Mi manca, mi manca tanto…». Rigira tra le mani un fazzoletto, davanti ha le foto che la ritraggono sorridente abbracciata alla figlia. «Un giorno la riabbraccerò, lo so. Questo allontana il dolore e mi riempie il cuore di gioia».

Lei è Giovanna Gifuni, la mamma di Vincenza Avino, la donna uccisa a Terzigno il 14 settembre 2015 da Nunzio Annunziata, suo ex compagno. Una storia che è andata ad aggiungersi all’elenco di epiloghi maledetti, che è entrata tra le realtà delle scarpe rosse. Un simbolo di femminilità che è divenuto emblema dello strazio, delle grida soffocate, della paura, della vergogna. Le storie che celano tra la punta ed il tacco sono angoscianti. Sono costellate di tormenti, spesso di denunce inascoltate. Come quelle di Enza in una storia fatta di una catasta di denunce ed un corpo a terra senza vita, crivellato di colpi.

servizio di Rossella Liguori

Articoli correlati

Protesta dei tir, disagi in provincia di Salerno: lunghe code su  autostrade

Redazione

Il maltempo non risparmia il cimitero

Redazione

Covid in provincia di Salerno: i dati aggiornati

Redazione

Sarno, Maura Falciani nuovo consigliere comunale

Redazione

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

Nocera Inferiore: Torquato rompe il ghiaccio, si ricandida

Redazione