Cronaca Primo Piano

Emissioni nauseabonde nell’area industriale: la denuncia

Emissioni nauseabonde dall’area industriale, i residenti sul piede di guerra chiedono controlli, verifiche ed azioni per arginare la grave criticità. Esasperati i cittadini di via Ingegno e delle zone limitrofe all’area Pip, denunciano ciò che è diventata ormai una condizione al limite della vivibilità. Chiamano in causa tutte le istituzioni del territorio, le forze dell’ordine, le guardie ambientali perché concentrino le loro azioni per individuare la causa del problema ed agire. Un disagio manifestato quasi quotidianamente dai cittadini che, anche attraverso le piattaforme social denunciano e segnalano continui casi.

Addirittura in più di una occasione sono stati registrati malori tanto da dover ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso del “Martiri del Villa Malta” che è a pochi metri di distanza.

“È da anni che viviamo un incubo – scrivono in una lunga lettere i residenti- in particolare in via Ingegno, Masseria della Corte e le zone limitrofe. Denunciamo per l’ennesima volta una situazione ormai insostenibile per noi e per i nostri figli. L’aria è irrespirabile sia di giorno che di notte provocando anche difficoltà respiratorie. Le emissioni maleodoranti avvengono in zone in cui vi sono centri abitati, scuole, ristoranti, industrie conserviere. Negli anni abbiamo fatto numerose segnalazioni e denunce a tutte le autorità di competenza, ma senza avere alcun risultato. Chiediamo verifiche, controlli costanti per capire la provenienza e mettere in atto le misure necessarie per tutelare i cittadini”.

Articoli correlati

Servizio Civile “La memoria del futuro”. Opportunità per giovani studenti

Redazione

Abbandona rifiuti con carta intestata e dvd. Beccato e sanzionato un Caf

Redazione

Esplode bombola del gas terrore e treni bloccati tragedia sfiorata a Sarno

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy