Sarno Notizie
Napoli

Vestiti, mascherine, elettronica: sequestrati 140mila articoli a Napoli

140mila articoli tra capi di abbigliamento contraffatti, mascherine e prodotti di elettronica non sicuri

Il Comando provinciale della guardia di finanza di Napoli, nel corso di due distinti interventi tra i quartieri del capoluogo Mercato-Pendino e San Lorenzo, ha sottoposto a sequestro quasi 140mila articoli tra capi di abbigliamento contraffatti, mascherine e prodotti di elettronica non sicuri.

I Baschi Verdi hanno scoperto nel cuore del mercato rionale della Maddalena 3.850 mascherine monouso prive del marchio CE e di informazioni o avvertenze in lingua italiana, e altri 300 dispositivi facciali con loghi Louis Vuitton, Chanel, Disney, Marvel contraffatti. La titolare, una 40enne di origine cinese, e’ stata denunciata per ricettazione e contraffazione, oltre che segnalata alla Camera di Commercio per le violazioni amministrative previste dal Codice del Consumo.

Nel corso di una seconda operazione, la Compagnia di Portici ha sequestrato, in un ingrosso cinese di articoli per l’illuminazione, 700 mascherine facciali con false attestazioni inerenti alle caratteristiche dei dispositivi di protezione individuale, 5.400 capi di abbigliamento contraffatti e 127.000 prodotti per l’ illuminazione privi delle informazioni in lingua italiana per i consumatori. Anche in questo caso il titolare, un 59enne di origine cinese, e’ stato denunciato per ricettazione e contraffazione, oltre che segnalato alla Camera di Commercio per violazioni al Codice del Consumo.

Articoli correlati

Sarno: ospedale al collasso, chiudono gli ambulatori

Redazione

Dall’oncologia  alla maratona di NY. Il sogno del professore Di Lorenzo

Redazione

Prega sui binari, poi, aggredisce poliziotto: marocchino in manette

Redazione

Stop alle attività del circolo di extracomunitari. Arriva l’ordinanza di chiusura definitiva

Redazione

Scuola, in Campania casi in aumento:oggi si decide su restrizioni

Redazione

Esplosione di un forno alla fabbrica Monfra di Monteleone. I vicini: “Tremavano le case”

Redazione