Brevi Cronaca Primo Piano

Super stipendi, assolti tutti i comunali

Non ci fu alcun accordo tra funzionari e dipendenti, né un euro sarebbe stato intascato illegittimamente all’insaputa del Comune. Finisce con 28 assoluzioni e due prescrizioni il processo «Stipendi d’oro», che vedeva al banco degli imputati 30 dipendenti del Comune di Sarno accusati di aver percepito indebitamente soldi grazie ad alcuni progetti. I dipendenti assolti perché il fatto non sussiste sono Aniello Annunziata, Raffaele Auletta, Domenico Baselice, Carolina Bifolco, Antonio Caringi, Umberto Cascella, Giuseppe Cava, Assunta Crescenzi, Concetta De Filippo, Anella De Vivo, Giuseppe Fienga, Francesco Lanzetta, Francesco Lombardo, Domenico Marchese, Angelo Migliaro, Rosaria Maria Mottola, Giuseppe Murano, Carlo Paradiso, Mario Pellegrino, Giuliana Prisco, Paolo Ricupito, Carmine Robustelli, Vincenzo Salerno, Crescenzo e Pasquale Saviano, Caterina Scafuri, Antonio Sirica e Antonio Squitieri. Per i due dirigenti Antonio Marano e Luigi Sessa, che secondo la procura avrebbero «gestito» il sistema degli incentivi, decidendo i progetti di volta in volta, l’accusa di peculato è stata derubricata in abuso d’ufficio.

Articoli correlati

Cambio di timoniere per il Gustarosso Sarno. L’Intervista.

Redazione

Fermato a un posto di blocco, muore per infarto davanti al figlio

Redazione

La Pol. Sarnese se ne va. “Abbandonati da istituzioni e cittadini. Tribuna addirittura inagibile”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy