Brevi Cronaca Primo Piano

Spaccio droga – Un poliziotto di Sarno “passava informazioni”

Indagato e sottoposto alla misura interdittiva della sospensione dalla professione per un anno: si tratta di un poliziotto, assistente capo al commissariato di Sarno, accusato di rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento personale. Originario di Nocera Inferiore, prestava servizio presso il commissariato di via Roma. C.G. queste le iniziali del poliziotto, di 53 anni. 

Nessun collega vuole commentare la notizia, una vicenda che ha drammaticamente scosso le forze di polizia. 

IL BLITZ E GLI ARRESTI 

Vasta operazione antidroga della polizia in provincia di Salerno.  Eseguita un’ordinanza cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura Antimafia, nei confronti di 14 indagati, di cui 11 finiti in carcere e 2 ai domiciliari, ai quali sono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale e porto abusivo in luogo pubblico di armi da sparo, estorsione e riciclaggio. Nel corso delle operazioni la Squadra Mobile di Salerno ha rintracciato, nell’abitazione della fidanzata, LA ROCCA Nicola, capo dell’organizzazione criminale, destinatario dell’ordinanza cautelare nonché già latitante per un provvedimento di esecuzione della pena di anni 14 conseguente ad una sentenza di condanna per il reato di omicidio commesso quando era ancora minorenne.

Le indagini hanno tratto origine da autonome attività investigative svolte da personale del Commissariato di P.S. di Sarno e segnatamente dalla perquisizione domiciliare presso l’abitazione di VISCARDI Marco, successivamente tratto in arresto, in quanto trovato in possesso di un fucile d’assalto AKI47 Kalashnikov cal. 7.62; una pistola semiautomatica cal. 9×18 con relativo munizionamento; gr. 107,00 di cocaina; gr. 274,00 di marijuana e gr. 5.100,00 di hashish.

I successivi approfondimenti, coordinati da questa Direzione Distrettuale. Antimafia e svolti dal personale della Squadra Mobile di Salerno e del Commissariato di P.S. di Sarno hanno consentito di accertare che sia le armi che la sostanza stupefacente di cui sopra erano direttamente riconducibili a LA ROCCA Nicola, il quale aveva il progetto criminale di accaparrarsi il mercato degli stupefacenti nel comprensorio di Sarno e zone limitrofe, avvalendosi della disponibilità di armi, da utilizzare per attentati in fase di programmazione, in evidente contrapposizione con omologhi gruppi delinquenziali già operanti su quello stesso territorio.

Articoli correlati

VIDEO | Massimiliano Mercede:”l’Ente Parco, una presenza amica del territorio”

Redazione

Il Consorzio di Bonifica e le novità sui territori

Redazione

Frontale violentissimo, sbalzati dallo scooter marito e moglie

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy