Brevi Cronaca Primo Piano

Si inietta fiala per bronchite, si ingrossa la lingua e rischia di morire. Salvato dal 118

Curava da qualche settimana la bronchite con vari farmaci  tra compresse e fiale. Già da tempo era sottoposto alla cura con Rocefin, ma  all’ennesima fiala iniettata intramuscolo è andato in shock anafilattico. Grosse chiazze sul corpo e in pochi minuti l’ingrossamento della lingua ed edema della glottite con ostruzione delle vie respiratorie. Uno stato che avrebbe portato alla morte in breve tempo G.P, 60 anni, residente in via Acquarossa. Tempestivo e provvidenziale l’intervento dell’ambulanza del 118. Sul posto il medico, Alberto Annunziata, l’infermiera Serena Liguori, l’autista Ferdinando De Blasio. Si è provveduto subito alle cure che hanno evitato un tragico epilogo. “Non respirava più, lo hanno salvato quelli del 118  e non so trovare le parole per ringraziarli– ha spiegato la moglie –  L’ambulanza è arrivata in pochi minuti e subito si sono adoperati per salvargli la vita. Devo solo ringraziare loro”. Una corsa per salvare l’uomo che è stato poi trasportato all’ospedale “Martiri del Villa Malta”.

Articoli correlati

Vola il Lavorate con un poker

Redazione

Sarnese, mano pesante del Giudice sportivo: 1500 euro più diffida

Redazione

Pasquale Falciano subentra a Franco Annunziata

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy