Notizie Primo Piano Cronaca

Sequestrato il centro di igiene mentale

Blitz del Nas al centro di igiene mentale, scoperto edificio non a norma, senza autorizzazioni ed inagibile. Scattati i sigilli alla struttura dell’Asl di Salerno.

I controlli sono stati avviati ancora una volta nella mattinata di ieri in via Sarno Palma all’interno di quella che secondo gli atti “è una villetta, dunque con destinazione d’uso diversa”. Il sequestro avrebbe ha alla base gravi inadempienze. Secondo quanto rilevato dai carabinieri del nucleo anti sofisticazioni l’Asl avrebbe pagato il fitto di una struttura ad un privato che non avrebbe l’agibilità, ed in più risulterebbe del tutto assente la documentazione relativa all’autorizzazione sanitaria, così come previsto dall’art. 193 del Regio Decreto 27/7/1934 nr. 1265.

Le ispezioni eseguite nei locali dai militari hanno fatto emergere situazioni piuttosto gravi e rischiose. Diverse criticità strutturali e di sicurezza antincendio, individuati fili elettrici volanti, un sistema di illuminazione di emergenza non funzionante, materiale di ogni tipo accatastato alla rinfusa nei locali destinati a deposito, un arredo vetusto e mobili con angoli vivi pericolosi, scale intente non a norma.

Tutti rilievi che hanno reso inevitabile il decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dal pm Anna Chiara Fasano della procura di Nocera Inferiore. Al momento non ci sono indagati. Proprio nei mesi scorsi il comune attraverso una progettazione dell’amministrazione comunale ha individuato una nuova sede proprio per il centro di salute mentale. Un bene confiscato alla camorra già centro polifunzionale “Melvin Jones”

Articoli correlati

L’Ente Parco boccia Canfora. Mercede: “L’ambiente non ha colore politico”

Redazione

Tragedia sui binari: uomo ucciso da un treno in corsa tra Battipaglia e Salerno

Redazione

Bollo auto: la Regione Campania sospende i pagamenti

Redazione

Erano amici e sono morti insieme Vincenzo e Pasquale

Redazione

Coltivava marijuana nell’orto: sequestro e denuncia

Redazione

Consiglio comunale – Bagarre in aula, volano paroloni

Redazione