Eventi Primo Piano

“Scorci 2”, domani la presentazione. Ferrentino: “Ironia e ricordi”

Arriva “Scorci di Vita 2” di Gaetano Ferrentino. Dopo il successo del primo volume, la grande curiosità, la voglia di raccontare e di leggere nuove storie, vicende, personaggi, vizi e virtù, è pronto il secondo atto. 

132 pagine, i tratti di matita di Gaetano Dinisio, “Scorci di Vita 2” sarà presentato domani, al Piccolo Teatro in via Nunziante alle ore 10.30 con l’autore Gaetano Ferrentino ci saranno le riflessioni di Giuseppe Strianese.

Una presentazione con un ritmo diverso e particolare scandito dagli attori Sonia D’Alessio e Carmine Pagano, il clarinettista Matteo Ferrentino. Modera la giornalista de “Il Mattino” e direttore di “Sarno Notizie” Rossella Liguori.  

SCORCI: vizi e virtù, persone e personaggi

Un diario di ricordi; un piccolo gioiello di storia, costume, tradizione ed attualità. Aprire e sfogliare “Scorci di Vita 2” è come aprire il baule delle nonne dove si ritrovano i merletti preziosi ed un po’ ingialliti, le foto sbiadite ma dai tratti decisi, gli orecchini di perle da lucidare.  I racconti evocano l’immagine dei nonni e dei nipoti seduti intorno “‘a vriseria”. Il rito del racconto, ro’ fattariello attraverso i colori di persone e personaggi, le voci del vicolo e delle curtine.  “Scorci 2” è il tempo perduto che si ritrova, pagina dopo pagina.

 

GAETANO FERRENTINO, autore di “Scorci di Vita” e “Scorci di Vita 2” 

Dopo il primo Scorci di Vita, mi è venuto quasi d’istinto scrivere questi ulteriori piccoli ritratti della nostra città. Tra fantasia e realtà. Tra ironia e ricordi. Luoghi, personaggi, abitudini. Senza pretese, ma solo un flusso di ricordi, a volte divertenti, a volte amari. Tratti di caratteri, stereotipi, tipi umani. Un gesto, un oggetto. Noi. In una frase è racchiusa la nostra identità, quella che il progresso non potrà cancellare e che ci riconduce a “casa”. Non è un diario, ma sono foto, immagini di luoghi e scene che, ogni giorno, ci troviamo a vivere. Che ognuno porta dentro sé come un dormiente, ma che, sollecite, emergono. Immagini. Fermarle e rifletterci su per sorridere di noi e per pensare. Per fermare, forse, anche un po’ il tempo che scappa via. È una passerella spensierata di attimi in cui mi sono soffermato che ho voluto semplicemente condividere. Di nuovo. Ancora e senza pretese. Se non quella di regalare qualche momento di spensieratezza. È questo, cioè la spensieratezza, il motore che ha spinto ancora Gaetano Dinisio a illustrare alcune scene e a disegnare la bella copertina.

 

Articoli correlati

Badanti dalla Romania minacciate. Condannati gli aguzzini

Redazione

Prodotti della terra per salvare il Fiume Sarno. Firmato protocollo d’Intesa

Redazione

FOTO | Giuseppe Canfora sindaco: il bagno di folla, le bandiere in piazza, il saluto dal balcone

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy