Campania Notizie Primo Piano Sarno Video Napoli Salerno

Sarno, nasce il numero Unico di Emergenza. Risposta in 5 secondi

La centrale sarà collocata nella palazzina, ex Arcadis, costruita in via Ingegno, su terreni confiscati alla camorra

Numero unico di emergenza e viene garantita la risposta entro 5 secondi. È la nuova frontiera dei servizi emergenziali e richiesta di intervento con immediatezza di operatività. Due le città individuate per la collocazione delle centrali in Campania: Napoli e Sarno.

«È un servizio importantissimo ed indispensabile per il territorio. Copriremo un ampio bacino di utenza. Saranno formati per la gestione delle chiamate, ed assunti, un centinaio di operatori in totale per le due centrali». Così il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, parla della centrale che nascerà in via Ingegno su un terreno confiscato alla camorra.

Per la Campania dunque verranno realizzate due centrali uniche di risposta, Cur: quella di Napoli coprirà il servizio per l’area metropolitana di Napoli, 3 milioni circa di abitanti; quella di Sarno il resto della regione, circa 2 milioni e 800mila abitanti.

La centrale sarà collocata nella palazzina, ex Arcadis, costruita in via Ingegno, su terreni confiscati alla camorra, che sarà completamente ristrutturata con fondi regionali. È un’area in cui vi sono vigili del fuoco, guardia forestale, carabinieri cinofili. Sono previste 40 assunzioni per il personale, operatori che dovranno gestire la sede». I numeri 118, 113 e 115 resteranno in vigore e, dunque, il cittadino potrà continuare a comporli, la chiamata confluirà comunque sul servizio 112 Nue, e risponderà un operatore della centrale unica.

 

Articoli correlati

Covid provincia di Salerno: i dati. A Sarno 13 nuovi positivi

Redazione

Green pass Italia, oggi la discussione in Senato

Redazione

VIDEO | Passa il bilancio di previsione ma è scontro tra maggioranza ed opposizione

Redazione

Maxi evasione Tari. Scovate 1177 persone. Ferrentino: “La verifica continua”

Redazione

“Cocainomane incallito ho speso oltre 30mila euro”

Redazione

Napoli, scoperta sala di masterizzazione abusiva: 2 arresti

Redazione