Sarnese, pareggio che fa morale

Redazione
Da Redazione Gennaio 6, 2019 18:02

Sarnese, pareggio che fa morale

La partita

La Sarnese pareggia 1-1 col Gravina, interrompendo un digiuno che durava da quattro giornate. Il punto fa bene al morale per una squadra che, ancora una volta, ha dimostrato di soffrire di problemi in attacco. In realtà, la Sarnese è stata anche aiutata dalla fortuna, visto che, prima della rimonta dello svantaggio, gli ospiti hanno colpito un palo e una traversa a portiere battuto. L’assenza degli squalificati Langella e Cassata si è fatta sentire sul piano del gioco, apparso opaco e prevedibile. Il Gravina, invece, ben organizzato, ha fatto leva su qualche uomo di esperienza e ha sfiorato il colpaccio. Il primo tempo è stato piuttosto noioso. Al 9’, il Gravina ci prova con una conclusione dalla distanza di Mbida, deviata in corner da Mennella. Al 15’, Mariani manda alta una punizione dalla mediana. Stessa sorte per un tiro di Maione al 21’. Alla mezzora, Rossi fa da torre per l’accorrente Sannia che non ha fortuna nella mira. Al 35’, il Gravina colpisce un palo con Santoro che si incunea in area e tira a Mennella battuto. La ripresa non porta consigli a Cusano. Così, al 6’, Mangiacasale raccoglie un pallone sul limite dell’area e colpisce la traversa piena. La Sarnese fatica ad organizzare le idee. Così, al 17’, punizione dalla mediana Chiaradia, con incornata di Tarantino per il vantaggio ospite. Una dormita del Gravina favorisce il pareggio di una Sarnese spuntata. Al 26’, Maione ruba palla, approfittando di un errato disimpegno di Tarantino, e segna. Al 36’, ancora gli sopiti, sugli sviluppi di un corner, sfiorano il vantaggio con Nigro. Poi, Cusano sembra accontentarsi del pari e si copre, controllando fino alla fine del lunghissimo recupero. Di Gaetano Ferrentino

Sarnese (4-4-2): Mennella, Adamo, Siciliano (22’ st Maiorano), Sannia A., Girardi, Tortora, Rossi, Muollo (34’ st Cinque), Maione, Mariani (22’ st Sellitti), Lepre (38’ st De Simone). A disp.: Scognamiglio, Pantano, Terracciano, Sannia S., Evangelista. All.: Cusano

Gravina (3-5-2): Loliva, Dentamaro, Tarantino, Romeo, Visone, Nigro, Mangiacasale (38’ st Potenza), Mbida (18’ st Forò), Santoro, Chiaradia (43’ st Abonckelet), Correnti (18’ st Bellomonte). A disp.: Vicino, Rizzo, De Giglio, Ceglie, Guida. All.: Loseto

Arbitro: Bozzetto di Bergamo Reti: 17’ st Tarantino (G), 26’ st Maione (S) Note: spettatori 400 circa. Ammoniti: Girardi, Rossi, Mariani, Visone e Mbida. Angoli 3-1 per il Gravina. Recupero: 1’ pt, 7’ st

L’intervista

Cusano: “Ora comincia un altro campionato”. Nel dopo gara, il tecnico Pompilio Cusano commenta: “Un risultato che, guardando il bicchiere mezzo pieno, ci fa capire che abbiamo la possibilità di salvarci. Abbiamo giocato un buon primo tempo. Abbiamo preso gol ancora su palla inattiva, anche se ci lavoriamo tanto. Maione ci ha rimessi in carreggiata perché non meritavamo la sconfitta. Dobbiamo essere più cinici. L’esperienza non gioca a nostro favore. Nei momenti topici regaliamo situazioni vantaggiose agli avversari. Siamo la squadra più giovane e non dobbiamo, comunque, dimenticare il buon gioco espresso fin qui. Ce la siamo giocata con tutti. Ora inizia un altro campionato. Stiamo soffrendo e speriamo che il momento negativo possa passare al più presto. Sapevamo che dovevamo soffrire, ma non molliamo”.

Redazione
Da Redazione Gennaio 6, 2019 18:02

Seguici su…