Notizie Primo PianoAttualità

Ripopolamento Fiume Sarno: 3mila trote. Tutela e salvaguardia al primo posto

Ripopolamento del fiume Sarno, tremila trote di ceppo mediterraneo alla sorgente di Rio Palazzo. Una operazione importante e di grande vitalità per il fiume, che rappresenta insieme anche valorizzazione del territorio e sensibilizzazione. L’iniziativa, che si è ripetuta ieri per il secondo anno consecutivo, è nata dalla proficua ed ormai consolidata collaborazione e unità di intenti tra l’associazione Pescatori Sportivi, l’Ente Parco del Fiume Sarno, l’amministrazione comunale, la Fipsas di Salerno. Una azione, quella dell’incremento della fauna ittica, che mira a gettare le basi per ulteriori altre iniziative di coinvolgimento della comunità, e soprattutto dei bambini. Una sempre maggiore consapevolezza territoriale, insieme alla rivalutazione delle risorse naturalistiche, può fare della città dei Sarrasti e delle sorgenti cristalline del fiume un punto nevralgico legato anche di turismo e sport, legato alla pesca.

 

 

A parlare delle iniziative in corso e dei nuovi progetti da mettere in campo, è il presidente dell’associazione pescatori sportivi di Sarno, Giacomo Monteleone. “L’iniziativa del ripopolamento – dice – nasce dalla volontà di considerare e salvaguardare la fauna ittica presente sul nostro territorio, che è quella delle trote. Già lo scorso anno sono stati immessi tremila avannotti di trota, e quest’anno abbiamo ripetuto il progetto. E’ importante sensibilizzare alla tutela dell’ambiente perché il territorio ha necessità di non smettere mai di parlare di ambiente e di focalizzare l’attenzione su azioni concrete. Il fiume Sarno, bistrattato e denigrato, è un fiume che qui nasce pulito, con acque cristalline. Noi il ripopolamento lo abbiamo fatto sia a Lavorate che a Rio Palazzo, alla sorgente di Foce, essendo presente una quantità calcica maggiore, non era l’ideale. E’ indispensabile coinvolgere le famiglie ed i bambini e, stiamo considerando la possibilità di fare una gara amatoriale proprio per iniziare ed insegnare la tecnica del Catch & Release, di cattura e rilascio. L’appello che voglio a tutti è quello di non perdere mai di vista la tutela di tutto ciò che di bello ha il nostro territorio. Dobbiamo amare Sarno attraverso azioni di salvaguardia ed azioni mirate a far conoscere le sue risorse naturali uniche Tutti dobbiamo imparare a conoscere la nostra terra ed a rispettare tutto il bello che esiste”. A spiegare le azioni in campo è anche il vice presidente, Davide Esposito. “Nei giorni scorsi abbiamo ripulito il tratto interessato al ripopolamento da bottiglie di vetro che avrebbero potuto danneggiare l’operazione e l’habitat delle specie esistenti nelle acque del Rio Palazzo”.

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Pezzi di auto rubate alla foce del Sarno

Redazione

La bizzarra scoperta: bagno all’aperto costruito sul…

Redazione

Fiume Sarno invaso dai rifiuti. Video terribile!

Redazione

Il fiume si tinge di nero

Redazione

Scarichi accanto alla sorgente del Sarno, la denuncia dei contadini

Redazione

Manutenzione sui canali e corsi d’acqua a San Marzano sul Sarno

Redazione