Attualità Primo Piano

Rio Santa Marina, compromesso deflusso acque. Montoro chiede interventi

Vegetazione folta, sedimi e materiale vario a bloccare il naturale deflusso delle acque a Rio Santa Marina, una delle tre sorgenti del Fiume Sarno. Giovanni Montoro, consigliere di Rete Libera, chiede interventi per evitare danni. 

“Situazione di assoluto abbandono del Rio Santa Marina, una delle principali sorgenti e affluenti del Fiume Sarno.  – spiega – Nessun piano manutenzione ordinario e straordinario che possa preservare l’integrità e garantire la valorizzazione di uno dei posti più belli della Campania e del bacino idrografico del Fiume Sarno. L’ assenza di interventi periodici da parte degli enti preposti causa grossi problemi agli agricoltori che subiscono inondazione dei terreni alle prime piogge di primavera e la conseguenza perdita del raccolto. Inoltre, lo stato di abbandono non permette la fruibilità di un territorio bellissimo e strategico per il rilancio dell’ dell’economia agricola locale. La situazione è ormai così da anni nonostante le mie ripetute azioni e denunce. Regione Campania, Consorzi di Bonifica, Parco Regionale del Fiume Sarno, Comune di Sarno continuano ad essere un fallimento, a fare chiacchiere, ad essere solo poltrone da occupare e senza azioni concrete per i cittadini. La responsabilità di tutto questo è evidente da anni, ogni volta è la stessa storia senza che nulla cambi davvero”

 

 

 

LA NOTA DI GIOVANNI MONTORO

Al  Sindaco del Comune di Sarno  Dott. Giuseppe Canfora

Il sottoscritto Giovanni Montoro, nato a Sarno il 30/12/1978, in qualità di consigliere comunale,  informa che  lo  stato  del normale  deflusso delle acque del Rio Santa  Marina  risulta compromesso  dalla presenza di una folta vegetazione, di sedimi e di materiali di diversa natura presenti lungo gli argini e sul letto del rio;

tale la situazione di abbandono produce un innalzamento anomalo del livello delle acque del Rio Santa Marina mettendo a rischio di inondazione i terreni agricoli  circostanti;

tale stato di  incuria risulta essere presente anche lungo le sponde del Rio  Palazzo e del Rio Foce considerato che la mancata manutenzione e il relativo taglio della vegetazione spontanea ha provocato negli ultimi anni gravi danni all’agricoltura locale con la conseguente perdita di vari raccolti;

gli Enti preposti risultano essere palesemente inadempienti ad ogni forma di manutenzione ordinaria e straordinaria di una delle sorgenti del fiume Sarno;

l’area interessata dal disagio è di particolare pregio paesaggistico, agricolo, ambientale e turistico;  premesso che la situazione di abbandono in cui versa il Rio Santa Marina non è più tollerabile;   l’intera zona prospiciente il Rio Santa Marina non risulta essere praticabile e fruibile a causa della folta ed incontrollata vegetazione.

In virtù delle informazioni, considerazioni e  premesse, lo scrivente  chiede alla S.V.V  di attivare ogni azione amministrativa al fine di porre fine a tale situazione di emergenza; di intimare gli enti inadempienti di intervenire immediatamente e scongiurare ulteriori danni  per gli agricoltori; qualora necessario, di  attivare i poteri sostitutivi del Comune di Sarno nei confronti degli enti inadempienti e agire contestualmente giuridicamente nei loro confronti.

 

 

 

Articoli correlati

Tragedia davanti la caserma di Battipaglia: carabiniere suicida con l’arma di servizio

Redazione

L’imam pacifista di Sarno rischia due anni di carcere per lesioni e detenzione di armi

Redazione

Droga sotterrata in giardino: scattano le manette

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy