Politica Salerno

Provincia di Salerno, centrodestra spaccato. Cirielli: “Il centrodestra non esiste”

Provincia di Salerno, centrodestra spaccato. Edmondo Cirielli: “Il centrodestra non esiste”

La rielezione a presidente della Repubblica di Sergio Mattarella divide il centrodestra. E non solo a livello nazionale. Perché ripercussioni potrebbero esserci anche in provincia di Salerno. 

“Il centrodestra non esiste più per come lo conosciamo, almeno in Parlamento, perché due forze della coalizione – Forza Italia e Lega – hanno preso i voti del centrodestra ma ormai da tempo stanno facendo scelte non coerenti, in Parlamento, nel senso che sostengono il Pd e il 5 Stelle”.

Non risparmia attacchi ai leghisti e ai forzisti il parlamentare salernitano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati che chiede, senza mezzi termini, agli alleati di uscire dal governo per rimettere insieme una coalizione ormai spaccata.

Elezioni in provincia di Salerno 

Sono ben 35 i Comuni della Provincia di Salerno che saranno chiamati al voto per il rinnovo del Consiglio Comunale e per l’elezione del nuovo sindaco.  Alle urne i comuni di Agropoli, Mercato San Severino e Nocera Inferiore, con una popolazione superiore ai 15.000 abitanti

Ad Agropoli Fdi ufficializza già il candidato – è il consigliere comunale di opposizione Agostino Abate – chiudendo le porte agli ex alleati. «Non parteciperemo a nessun tavolo o vertice provinciale – annuncia Edmondo Cirielli, questore della Camera dei deputati il centrodestra non esiste più, Forza Italia e Lega non sono più nostri alleati hanno scelto la sinistra, se escono dal governo allora si può discutere se si può ricostruire l’alleanza, ma devono uscire». 

La risposta della Lega

La Lega si difende contrattaccando. Con una lunga lettera il segretario provinciale e consigliere regionale Attilio Pierro, fa sapere: “Sono ingenerosi e strumentali gli attacchi alla Lega e al segretario federale Matteo Salvini da parte di esponenti delle forze di coalizione. 

Il centrodestra a Salerno però merita riflessioni a parte rispetto alle dinamiche nazionali.  La Lega in provincia di Salerno ha sempre lavorato nell’interesse della coalizione. Dove non siamo andati compatti è stato non per nostra scelta ma per quella di Fratelli d’Italia che, per convenienze di partito o personali, proponeva in momenti prematuri sempre e solo i propri candidati a sindaco senza ascoltare gli alleati, con il fine evidente di dividere la coalizione.

Anche nel 2015 abbiamo perso le regionali per colpa della miopia di Fratelli d’Italia che, in provincia di Salerno, ha tramato per escludere forze come l’UDC ed altri partiti con una gestione monocolore della coalizione. Errori che sono stati commessi in regione ma anche in provincia l’anno precedente, spalancando le porte a De Luca. Noi non abbiamo mai tradito nessuno e a maggior ragione lo faremo adesso ma alcune cose vanno chiarite per rispetto degli elettori del centrodestra.

Articoli correlati

M5S sbanca in Campania. Agli altri partiti le briciole. Ecco i nomi…

Redazione

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

VIDEO | Perde Fdi: “Siamo delusi, non ce lo aspettavamo”

Redazione

Sergio Mattarella rieletto presidente della Repubblica

Redazione

Buongiorno con le notizie del giorno

Redazione

Ballottaggi: affluenza in calo in tutta Italia

Redazione