Brevi Cronaca Primo Piano

Picchiato barbaramente per 60 euro

Cinquantenne picchiato e rapinato da due uomini armati. Il primo è stato medicato in ospedale riportando ferite guaribili in cinque giorni, i secondi sono finiti agli arresti domiciliari. L’episodio si è verificato nella tarda serata di sabato scorso. La vittima, un uomo della provincia di Avellino, si trovava fermo nei pressi dello svincolo autostradale quando è stato bloccato da due rapinatori che, pistola alla mano, si sono fatti consegnare il portafogli, con all’interno sessanta euro, e le chiavi dell’auto. Non solo, il malcapitato è stato anche preso a schiaffi e calci prima che i malviventi si dessero alla fuga. In un secondo momento si è scoperto che la pistola era a salve. L’immediato intervento dei carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Michele Di Mauro, con i colleghi della compagnia di Mercato San Severino, agli ordini del capitano Alessandro Cisternino, ha consentito di individuare, dopo poco, i responsabili e di arrestarli. Una volta rintracciati, i due uomini sono stati sottoposti a perquisizione domiciliare e trovati in possesso della pistola e di pochi grammi di hashish. Entrambi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni. Si tratta di F.F. 33 anni e T.A. 34enne, loro sono di Roccapiemonte, ma sabato sera si trovavano nei pressi dell’uscita dell’autostrada A30, dove hanno preso di mira il cinquantenne dell’avellinese. L’uomo era fermo quando è stato sorpreso dai rapinatori che lo hanno minacciato con la pistola. Davvero un brutto quarto d’ora per la vittima della rapina a cui hanno preso il portafogli, che conteneva sessanta euro e le chiavi della vettura, quest’ultima, però, non è stata portata via. Sarà, dunque, la ricostruzione dei fatti determinata dagli investigatori a dare risposte più precise rispetto all’episodio che ha visto il cinquantenne picchiato e, perciò, portato al pronto soccorso dell’ospedale Fucito di Curteri dove i sanitari hanno effettuato tutti gli accertamenti del caso, al termine dei quali è stato redatto un referto con una prognosi di cinque giorni. Più difficile sarà, invece, dimenticare la paura e lo sgomento vissuti in quei momenti. Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Pol. Sarnese – Tutto pronto per la prima in casa. Esposito: “Fare più punti possibili”

Redazione

Zona Economica Speciale : Campania, insediata cabina regia regionale

Redazione

Rapina e sparatoria al supermercato, Antonio cerca l’uomo che lo ha soccorso in strada

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy