Cronaca Primo Piano

“Non è facile dirti addio”. A Napoli lacrime e dolore per Maya

“È giunta l’ora di salutarci ma non è facile dirti addio”. Queste le parole degli amici di Maya impresse su uno striscione fuori la parrocchia di Nostra Signora di Lourdes, a calata Capodichino dove alle 10.30 si sono svolti i funerali della 15enne investita in piazza Carlo III.

Durante la commovente celebrazione, uno dei vescovi della Diocesi partenopea ha portato il messaggio di vicinanza si tutta la curia di Napoli e del Cardinale Sepe e, a fine messa, un’insegnante del liceo frequentato da Maya ha dedicato una lettera alla sua “alunna speciale, sensibile e generosa che rimarrà nel cuore di tutti”


In una chiesa gremita di giovani con indosso la maglietta dedicata alla minore con la scritta “Maya vive”, ai primi banchi era presente la famiglia di Maya con i parenti più stretti, il padre e il fratello della ragazza, Gianfranco chiusi in un doloroso silenzio mentre la mamma di Maya è rimasta abbracciata al feretro della figlia per la maggior parte della funzione. Fuori dalla chiesa dopo il trasporto della bara sono volati in cielo decine di palloncini bianchi e rosa mentre la folla ha applaudito per salutare un ultima volta “un angelo volato in cielo”.
 

Articoli correlati

Ambulanza bloccata dalle pecore, è corsa al lotto

Redazione

Biogas: il sindaco Canfora ordina la sospensione

Redazione

“Rivogliamo il casellante”. La protesta per il passaggio a livello

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy