Brevi Cronaca Primo Piano

Muore dopo due ricoveri, indagati medici ed infermieri

SCAFATI – Mentre era in vacanza con la famiglia fu vittima di un incidente. E non per sua responsabilità. Da lì il ricovero, in due ospedali, fino al decesso. Avvenuto due mesi dopo quel sinistro. Ora la procura di Nocera Inferiore ha aperto un’indagine. Dieci le persone indagate, tra medici e infermieri, tutti in servizio presso l’ospedale Scarlato di Scafati. Sullo sfondo la morte di Dario Salvati, 63enne scafatese, coinvolto in un incidente stradale a Catanzaro il 5 luglio scorso.

L’uomo viaggiava a bordo della sua auto con moglie e due nipoti. Era diretto a Lamezia Terme. Mentre guidava, l’auto, una Dacia, fu colpita in pieno da un altro mezzo. Questa seconda auto, in realtà, secondo la ricostruzione della dinamica dell’incidente, aveva impattato con un’altra vettura. Il risultato fu una carambola, con l’invasione della seconda auto sulla corsia dove viaggiava la vittima, colpita inaspettatamente. Dario Salvati fu soccorso velocemente, con il trasferimento all’ospedale di Catanzaro. Era ancora cosciente, secondo la denuncia. Poi fu trasferito a Scafati, sempre in ospedale. La prognosi registrata fu di trenta giorni. Insomma, una diagnosi non grave, con una guarigione prevista in circa un mese. Così non fu. Il decesso arrivò dopo tempo, con la contestuale denuncia della famiglia e l’apertura di un fascicolo.

Fonte Il Mattino 

Articoli correlati

La Soget resta. Non può essere “licenziata”

Redazione

Orrore a Sarno, bimba di tre anni seviziata e uccisa. Il padre accusa: «Sono stati i vicini»

Redazione

Poggiomarino, sequestrata discarica abusiva pericolosa

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy