Sarno Eventi

Mirko Milone, il fumettista sarnese alla conquista di Roma

di Pier Paolo Milone

Mirko Milone il professionista del fumetto 

Il raggiungimento e la volontà di inseguire un sogno, oggi vi racconteremo la storia di un nostro concittadino che sta vivendo tutto questo, Mirko Milone, un giovane sarnese che con passione e sacrificio è diventato un professionista del fumetto.

Dopo il diploma conseguito al liceo classico T.L. Caro, nel 2013, avvia gli studi per diventare fumettista ma la vera svolta arriva tre anni dopo, quando decide di trasferirsi a Roma per studiare alla “SRF” – Scuola Romana dei Fumetti.

Le sue esperienze

Nella capitale collabora con i migliori professionisti del settore e dopo appena un anno, inizia il suo percorso da professionista: lavora come disegnatore alla trasmissione televisiva “Splendor” per Erma Pictures (Mediaset); disegna varie illustrazioni per i quotidiani “La Gazzetta Regionale” e “La Gazzetta del Ticino”; realizza disegni, colori e lettering delle storie “Arriva il Microbiota”, per la serie “I Ragazzi di Pasteur” e “La Malattia dell’Astronauta” per la serie “Let’s Science” (Carocci Editore); raffigura le storie di “Cornelius Pallard e la Pietra Magica”, “La Nascita della Galassia Fairplay”, illustrazioni e vignette per “Progetto Fairplay”, per Galatea s.r.l.; collabora con la Scuola Romana dei Fumetti, realizzando inchiostrazione e lettering ai volumi “Prima che sia Tardi” e “La Storia Segreta dei Colori” (Ente Editoriale per l’Arma dei Carabinieri); grazie alla collaborazione tra la SRF ed il “Roma Summer Fest” ha lavorato alla realizzazione delle illustrazioni per il frontman degli Aerosmith, Steven Tyler ed il gruppo rock, Toto).

Durante il lockdown realizza la trasposizione a fumetti del finale della saga di “Harry Potter”, che attira l’attenzione di moltissimi fan e alcune testate giornalistiche online e cartacee.

Da Ottobre 2020 è ufficialmente un docente della SRF, insegnante per i corsi “Comics Junior” e quello professionale di inchiostrazione ed illustrazione con Pro Create su IPad, ha un suo “Laboratorio Cartoon” ed è assistente di Massimo Rotundo (socio fondatore dell’istituto) e della mangaka, Yoshiko Watanabe.

L’intervista

Quando hai iniziato a interessarti seriamente di fumetti e hai capito che non ne avresti più fatto a meno? 

“E’ sempre stato il mio sogno, sin da bambino, di lavorare con i disegni e ho capito che non ne avrei più fatto a meno da quando ho iniziato gli studi subito dopo il Liceo”. 

Di cosa si occupa principalmente un fumettista? 

“Nel nostro lavoro ci sono tanti rami: 

Sceneggiatore, colui che scrive la sceneggiatura, ovvero la storia del fumetto, i dialoghi dei personaggi, ciò che succede vignetta per vignetta

Matitista, chi crea il layout (la bozza del fumetto) e la versione definitiva a matita  

Inchiostratore, come dice la parola stessa si occupa di ricalcare, inchiostrare la matita 

Colorista, colui che colora la tavola inchiostrata 

Letterista, inserisce i balloon con i dialoghi presi dalla sceneggiatura”.

Il tuo personaggio preferito di sempre?

“Non ne ho uno sinceramente, non ho una preferenza, mi godo tutto. Le mie letture possono variare dal fumetto francese, passando per i Manga ai supereroi di casa Marvel, DC, ecc… Insomma, faccio tesoro dei vari stili e personaggi per poi aggiungerlo ai miei studi”.

Articoli correlati

«Così vi ho avvelenato», ecco com’è nata la Terra dei Fuochi

Redazione

Il sindaco Strianese: “Noi festeggiamo la Repubblica Italiana, la democrazia, la libertà…”

Redazione

Green Generation, formazione e lavoro: il Fermi di Sarno primo in graduatoria

Redazione