Notizie Primo PianoAttualitàBrevi

Minacce sui muri ora nel mirino anche i magistrati

Una donna già denunciata per le  scritte a favore dell’ Isis e contro il sindaco e il Pd

Nuove  scritte  e stavolta sotto le minacce e le ingiurie ci finiscono forze dell’ ordine e pubblico ministero. La polizia indaga e tiene sotto stretto controllo anche diversi profili social. Su uno in particolare si starebbero concentrando gli investigatori perché riporterebbe diverse frasi identiche a quelle tra scritte  sui muri. «Cacciapuoti venduto infame», «Stato infame», «Acab» acronimo di All Cops Are Bastards.  Scritte , segni e disegni che marchiano gran parte della facciata del teatro De Lise in Piazza Cinque Maggio ed un’ area di parcheggio dei mezzi comunali. Le  scritte , accompagnate da disegni con riferimenti sessuali, sono apparse ieri mattina e campeggiano in pieno centro cittadino anche a pochi passi dalle telecamere di videosorveglianza. Gli inquirenti stanno indagando attraverso l’ acquisizione delle immagini catturate dal sistema di videosorveglianza comunale, verificando allo stesso tempo i fotogrammi di telecamere private di abitazioni ed esercizi commerciali dei dintorni. Le indagini stanno procedendo aiutate anche da un esame calligrafico accurato e sembra che diversi segni siano riconducibili a  scritte  già fatte in passato in altre zone della città. Al setaccio i profili social, soprattutto quelli presenti sulla piattaforma Facebook, dove in alcuni casi sarebbero riportate le stesse frasi ingiuriose apparse sui muri. È da oltre un anno che la città di notte viene imbrattata con vernice spray e frasi inneggianti l’ Isis, ingiurie di carattere politico e minacce. Tappezzato sempre il centro cittadino, da via Livenza a via Piave, da via Fabricatore fino alla casa comunale in piazza IV Novembre. Quello della scorsa sera è solo l’ ennesimo atto di una serie infinita. Qualche settimana fa è stata identificata e denunciata a piede libero l’ autrice di alcune  scritte . La verifica delle telecamere di videosorveglianza e l’ analisi delle piattaforme web avevano portato ad individuare l’ imbrattatrice, 43 anni residente a  Sarno . Moglie e madre, era stata incastrata prima dalle telecamere ed in seguito da una perquisizione nella sua abitazione che aveva consentito ai poliziotti di reperire il giubbino uguale a quello immortalato dalle immagini acquisite, ad ulteriore riprova dell’ identità. Era stato, poi, rilevato che la stessa pubblicava sul suo profilo Facebook diverse frasi uguali a quelle che imprimeva con vernice spray sui muri della città, alternate a foto riportanti la bandiera dello Stato Islamico

Articoli correlati

Cashback 2021: regole, come funziona e cosa cambia

Redazione

Ospedale Sarno, la proposta: “Chiudere il pronto soccorso”

Redazione

Covid in Campania: mai così tanti contagiati da aprile

Redazione

Rissa al mercato di Sarno. Uomo in gravi condizioni

Redazione

Samuele Esposito torna sul ring per il titolo europeo dei superleggeri

Redazione

Camionista sequestrato. I carabinieri lo trovano legato mani e piedi

Redazione