Brevi Primo Piano

Messa in sicurezza delle scuole in provincia di Salerno: un’altra opportunità fallita.

In provincia di Salerno i progetti finanziati sono appena 5

Edilizia scolastica e messa in sicurezza delle scuole contro il dissesto idrogeologico ed il rischio sismico: la provincia di Salerno perde una straordinaria opportunità per avviare un diffuso ed organico intervento di riqualificazione dei plessi scolastici su tutto il territorio provinciale. A denunciarlo è il presidente di ANCE Salerno Antonio Lombardi. «Il 27 ottobre scorso – spiega – è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti che autorizza le Regioni a stipulare mutui con le risorse messe a disposizione dalla Banca Europea per gli Investimenti nell’ambito del Piano annuale 2015 per l’edilizia scolastica. Si tratta di mutui trentennali per complessivi € 739.272.550, a totale carico dello Stato, che permettono agli Enti locali l’accesso ad un finanziamento a fondo pe rduto per opere di riqualificazione, rinnovamento e messa in sicurezza degli edifici scolastici. L’utilizzazione di queste risorse, peraltro, sarà ad impatto zero sul Patto di Stabilità interno».

Gli interventi approvati e finanziati in Campania sono appena 50 (su 1.219), buona parte dei quali concentrati nelle province di Avellino (17 per complessivi € 33.850.732,85) e Benevento (15 per € 21.958.575,96). In provincia di Salerno i progetti finanziati sono appena 5 per € 10.138.177,31: riguardano la realizzazione del complesso scolastico Fonti a Sala Consilina (€ 1.775.000), la demolizione e ricostruzione della scuola dell’infanzia di Acciaroli nel Comune di Pollica (€1.495.680), la ristrutturazione, adeguamento sismico, miglioramento degli ambienti e risparmio energetico della Scuola Primaria di Secondo Grado “E. De Amicis” dell’Istituto Comprensivo di Polla (SA) (€ 3.752.258,89), la ristrutturazione e l’adeguamento impiantistico, la messa in sicurezza e il miglioramento degli ambienti della Scuola Media Statale M. R. Gorga Pica di Sant’Arsenio (€ 2.265.020,25) e la ristrutturazione straordinaria , messa in sicurezza, adeguamento sismico ed efficientamento energetico del plesso scolastico al casale Prepezzano nel Comune di Giffoni Sei Casali (€ 850.218,17).

«Ancora una volta – è l’amaro commento conclusivo del presidente Lombardi – le istituzioni locali hanno palesato evidenti limiti in termini di efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa, perdendo una straordinaria opportunità di riqualificazione e messa in sicurezza delle nostre scuole, che pure, in molti casi, presentanto situazioni di estrema criticità. L’auspicio è che si avvii finalmente un piano di riorganizzazione interna alle amministrazioni affinché il monitoraggio delle opportunità e delle risorse disponibili avvenga con costanza e sistematicità: altrimenti il nostro territorio continuerà a perdere rilevanti occasioni e si ritroverà a parlare di sicurezza negli edifici scolastici solo in concomitanza di crolli e cedimenti di varia natura».

Articoli correlati

Monito del Vescovo: “Le famiglie non litighino per le eredità”

Redazione

Rubavano e smontavano auto per rivenderne i pezzi. Presi

Redazione

Bruciano rifiuti agricoli, contadini multati

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy