Sarno Notizie Primo Piano Salerno

L’ospedale di Sarno richiede il personale dato in “prestito” a Scafati

Servono i 13 sanitari che il Martiri del Villa Malta ha dato in prestito al Mauro Scarlato

Unità riabilitativa cardiologica ma servono i 13 sanitari che il Martiri del Villa Malta ha dato in prestito al Mauro Scarlato alcuni mesi fa per l’emergenza covid. L’apertura della nuova unità, si vocifera, giustificherebbe la richiesta inviata già ufficialmente dalla direzione di Sarno al direttore Mario Iervolino, perché gli operatori trasferiti non solo garantirebbero la funzionalità della divisione in realizzazione, ma andrebbero a sostenere i reparti esistenti che soffrono per la della carenza di personale, soprattutto il pronto soccorso.

Del resto che il nosocomio sarnese abbia possibilità di crescita è un dato certo come ha spiegato anche il direttore sanitario dell’Asl Ferdinando Primiano.

«Quello di Sarno è un ospedale importante per l’Asl di Salerno – ha sottolineato – va riempito di contenuti ma serve personale. È in una posizione strategica, serve un bacino di utenza ampio. Bisogna riconoscere sia struttura di confine che sta fronteggiando grosse attività di pronto soccorso, per altro richieste dalle Asl confinanti alle quali abbiamo dato seguito.


Se facciamo questo, dobbiamo avere una capacità e una potenziale di personale che vanno oltre. Standard da riconoscere ed il personale deve essere una nostra priorità nel potenziamento. Fare in modo che le strutture fisiche lavorino con tute le potenzialità che hanno». Eppure la possibilità di aprire nuovi reparti è bloccata dalla mancanza di personale. La richiesta degli operatori trasferiti è legittima, ma Iervolino pare abbia preso tempo per valutare l’andamento dei contagi.

L’ipotesi di nuovi trasferimenti fa storcere il naso ai sindacati che parlano di «trasferimenti coatti e operatori trattati come pacchi postali». È la conseguenza di quella che viene definita una organizzazione a fisarmonica che è ad alta flessibilità, impostata dall’inizio della pandemia e che permane.

Articoli correlati

Sarno, due nuovi casi. Salgono a 9 i positivi al Covid

Redazione

Covid in provincia di Salerno: 122 tamponi positivi

Redazione

Imbrattato il monumento appena ripulito. Caccia ai vandali

Redazione

Abusi edilizi: abbattimento o riutilizzo? Decide il consiglio

Redazione

Mister Gazzaneo deluso: “Abbiamo commesso troppi errori”

Redazione

Teatro mai aperto e già da rifare: il risultato di 20 anni e 4 amministrazioni. Dossier per la Corte dei Conti

Redazione