Cronaca Primo Piano

“L’ho investito”, invece era un incidente sul lavoro

 I Carabinieri di Somma Vesuviana  hanno denunciato per simulazione di reato e lesioni colpose un 40enne imprenditore edile, un 47enne operaio e un altro operaio 68enne. I 3 – tutti incensurati – avrebbero inscenato un falso incidente stradale per nascondere un infortunio sul lavoro. L’ operaio i 68 anni, infatti, caduto da un’ impalcatura e ancora ricoverato in ospedale a causa dei forti traumi rimediati, lavora in nero proprio nella ditta dello stesso imprenditore.

Quest’ ultimo, dopo aver trasportato l’ operaio all’ Ospedale Santa Maria della Pietà di Nola ha dichiarato di aver investito il malcapitato con la propria auto nel comune di Somma Vesuviana. Ad avvalorare la tesi anche il 47enne parente dell’ imprenditore che, ascoltato dai militari, ha riferito di aver assistito all’ incidente. La situazione è apparsa subito poco chiara ai Carabinieri che – dopo i primi accertamenti – hanno ricostruito la reale dinamica del fatto. L’ operaio, infatti, era caduto da un’ impalcatura mentre lavorava senza un regolare contratto presso il cantiere gestito dalla ditta edile dello stesso imprenditore. I tre sono stati denunciati mentre il cantiere è stato sequestrato.

Articoli correlati

Grande novità al Fermi: indirizzo scolastico elettromedicale

Redazione

Torre del Greco: tenta di uccidere la moglie giorno di San Valentino

Redazione

Expò – L’Alto Pregio con 2500 presenze e l’entusiasmo degli operatori turistici

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy