Brevi Cronaca Primo Piano

Le coppie della droga e la mappa dello spaccio a Sarno

Lo smercio tra le mura domestiche e nel cuore della movida
 

Coppie di insospettabili per lo spaccio di cocaina su più fronti: da quello che potrebbe definirsi quasi casalingo, compiuto tra le mura domestiche; a quello più convulso che batteva i luoghi frequentati dai giovanissimi di Sarno. Una rete intricata che andava dal centro alle periferie.

La mappa dello spaccio nella città dei Sarrasti toccava il centro storico, tra vicoli e vicoletti poco illuminati; si allungava, poi, verso piazza Marconi e via Piave, nel cuore cittadino; una frenesia di commercializzazione di cocaina che abbracciava l’ area immediatamente adiacente al mercato ortofrutticolo e piazza Sabotino; ed anche l’ estrema periferia di Foce, al confine con Striano e Palma Campania, dove l’ andirivieni di giovani in sella a scooter aveva fatto scattare controlli e verifiche già diverse volte. Poi, la droga selezionata e distribuita nelle proprie abitazioni. «Persone che fondavano la propria sussistenza sul commercio delle sostanze stupefacenti. Una commercializzazione piuttosto frenetica e molto florida». Così il colonnello Francesco Mortari, comandante del reparto territoriale di Nocera Inferiore, parla degli undici arrestati nell’ operazione antispaccio portata a segno dai carabinieri dopo una attività serrata di controllo da parte dei militari di Sarno, agli ordini del comandate Toni Vitale. Non un vero e proprio clan, dunque, ma delle micro realtà dedite allo spaccio con una rete di clienti sull’ asse che congiunge il vesuviano all’ Agro sarnese nocerino. E nelle ordinanze spiccano binomi di insospettabili: c’ è una coppia di coniugi, Maria Squillante e Vittorio Santaniello; ci sono fratello e sorella; due giovani cugini; due amici, Maria Cirillo e Mario Sodano.

Tutti senza alcuna specifica storia criminosa alle spalle. Delle piccole strutture familiari dedite allo spaccio nelle proprie case. Ed è proprio questa una ulteriore particolarità venuta fuori. Pare che tanti assuntori comprassero la droga recandosi direttamente presso le abitazioni dei pusher, dove le dosi venivano confezionate e poi vendute. I grossi quantitativi, a quanto pare, prima del confezionamento venivano bene occultati anche nel giardino di casa. Cocaina spesso avvolta in cartoni e carta alluminio e sistemata in buche scavate nel terreno, difficili da individuare. Ed in questi casi si è rivelato fondamentale il supporto delle unità cinofile. Da mesi i carabinieri di Vitale stanno battendo in lungo ed in largo il territorio. Verifiche continue fatte di appostamenti, pedinamenti, riscontri e perquisizioni che già nelle scorse settimane hanno fatto scattare le manette ai polsi di sarnesi, ma anche di giovani residenti in comuni limitrofi ritrovati a girovagare per la città con in auto quantitativi di droga pronta per essere venduta. Si è rivelato fondato il sospetto delle forze dell’ ordine secondo il quale la rete di spaccio potesse avere il suo fulcro a Sarno, una ipotesi che aveva fatto scattare la richiesta di avere sul territorio più uomini e più mezzi, così come un potenziamento delle unità cinofile

Articoli correlati

Pareggio a reti bianche per la Sarnese.

Redazione

Processione e Fuochi Piromusicali. Questa sera ad Episcopio

Redazione

Manu Squillante ed il sogno Sanremo. Superate le selezioni

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy