Primo Piano Sport

La Sarnese vince a Pomigliano. Saranno play out in casa contro il Nola

Pomigliano-Sarnese 2-3 La Sarnese conquista tre punti importanti sul campo del Pomigliano. I granata vincono il derby a porte chiuse in rimonta per 3-2 e si aggiudicano la possibilità di giocare lo scontro salvezza in casa con il Nola. Era l’obiettivo di fine stagione inseguito e raccolto. Il Pomigliano, benché già retrocesso, non ha regalato nulla alla Sarnese, a volte anche sprecona. Pepe, squalificato e sostituito in pnachina da Zavino, all’inizio, ha preferito il giovane Chiacchio a Lepre, che subentrato nella ripresa, è stato fondamentale per la vittoria finale. Buona la prova di Sellitti, sotto tono, invece, Cassata. L’iniezione di esperienza ha dato il colpo magistrale in una gara che non poteva essere persa. Così, quella che, vedendo la classifica, poteva essere una passeggiata, è una scalata. Il Pomigliano, assolutamente non arrendevole, passa in vantaggio al 10’ con Girardi che incorna un cross dalla destra di M’Biye. Pareggio lampo granata grazie a Maione che, all’11’, gira a volo in rete un assist di Langella. Poi, la Sarnese appare più manovriera e, al 20’, spreca anche con Chiacchio una clamorosa occasione sotto rete. Poco altro da evidenziare fino alla pausa. La ripresa vede ritmi più alti. Al 4’, Sellitti, dopo un bello slalom, viene atterrato in area, ma l’arbitro non concede il rigore. Al 7’, Girardi inventa una palombella dal limite che supera Mennella per il nuovo vantaggio dei napoletani. Al 12’, Lepre si procura un calcio di rigore che lui stesso trasforma per il pareggio. Al 22’, i granata passano definitivamente in vantaggio. Sellitti raccoglie al limite una palla vagante, sugli sviluppi di un corner. Poi, entra in area e, rasoterra, batte l’estremo del Pomigliano. I padroni di casa subiscono il colpo. Al 38’, Ancora Sellitti crea un destro a girare dal limite che si infrange Bellarosa devia sul palo. Sulla respinta, Lepre, di tacco, sfiora il gol. La Sarnese controllerà il risultato fino alla fine, concedendo poco o nulla al Pomigliano che, dopo il terzo gol subito, tira decisamente i remi in barca.

Gaetano Ferrentino – Foto: Daniela Belmonte

Pomigliano (4-4-2): Bellarosa, Federico (25’ st Luise), Picascia, Liberti, Avella, Mannone (37’ st Vertola), M’Biye (16’ st Labriola), Savarese, Girardi (22’ st Buonocore), Poziello, Forquet (34’ st Gagliardi). A disp.: Sorrentino, Thiam, Romanazzo, Calone.

Sarnese (4-3-1-2): Mennella, Rossi (12’ st Adamo), Siciliano, Sorriso, Girardi, Terracciano (9’ st Lepre), Cassata (12’ st De Simone), Langella, Maione (37’ st Manzo), Sellitti, Chiacchio (9’ st Sannia S.) A disp.: Franza, Sannia A., Mariani, Maiorano. All.: Zavino (Pepe squalificato) Arbitro: Munerati di Rovigo Reti: 10’ pt e 7’ st Girardi (P), 11’ pt Maione, 12’ st Lepre (S) su rigore, 22’ st Sellitti (S) Note: gara disputata a porte chiuse. Ammonito Cassata (S). Recupero: 1’ pt, 4’ st.

Gioia contenuta negli spogliatoi per la Sarnese che vince il derby col Pomigliano, ma è attesa da un difficile spareggio con il Nola. I granata hanno conquistato il diritto a giocare in casa la partita decisiva, nella quale avranno a disposizione due risultati utili su tre. L’amarezza è per la sfortuna della gara con la Fidelis Andria, quando al 90’, la Sarnese sbagliò il gol della vittoria. Con quei tre punti, oggi, i granata starebbero festeggiando già la salvezza, mentre sono attesi da uno spareggio che è sempre difficile sul piano del gioco e dei nervi, anche se in posizione avvantaggiata. Il presidente Emilio Diodati commenta: “Abbiamo rispettato la tabella di marcia e abbiamo conquistato il diritto a giocarci in casa il play out. E’ stata una partita al cardiopalma, nella quale nessuno ci ha regalato niente. Abbiamo giocato e sofferto fino all’ultimo secondo. Ora, ci concentriamo sugli ultimi novanta minuti perché sappiamo che la salvezza è a portata di mano. Faccio l’appello ai tifosi affinchè ci stiamo vicini e riempiano il campo. Metteremo prezzi popolari per favorire l’affluenza”. La sede della gara, a causa dei lavori per le Universiadi, è ancora da decidere.

Articoli correlati

Camorra: morto Fabbrocino, il boss rivale storico di Cutolo

Redazione

Forum giovani – Giovani Sarnesi: “Basta polemiche. Ora Sarno sarà città di iniziative”

Redazione

Sarno finisce nella satira di Prugna.net

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy