Notizie Primo PianoSportBrevi

La Sarnese torna alla vittoria dopo oltre tre mesi

La Sarnese torna alla vittoria dopo oltre tre mesi. L’ultima gioia granata risaliva al 4 novembre contro il Gragnano. I granata superano per 1-0, con gol di Sannia, il Nardò e si regalano la speranza, allungando dalla zona di retrocessione diretta. La partita è stata equilibrata e ha mostrato grande carattere e determinazione dei padroni di casa, con in evidenza, particolarmente, Sellitti e Cassata. Cusano fa esordire in attacco il nuovo arrivo Crispini. Solito neo della sarnese la scarsa precisione in zona di attacco. Il Nardò parte bene e prova subito a mettere l’impronta sulla partita, ma la Sarnese controbatte. Al 10’, Prinari, in area viene contratto al momento del tiro da posizione invitante. Cassata e Langella indirizzano due timide conclusioni dalle parti di Mirarco. Al 28’, Kyeremateng intercetta palla in area e tira. Mennella si supera. La reazione granata e poco incisiva. Un colpo di testa fiacco di Maione e qualche conclusione dalla distanza di Cassata.

Eppure, la Sarnese c’è. Così, in apertura di ripresa, arriva il gol partita. Al 2’, Sellitti parte in contropiede, allarga per Cassata sul vertice opposto dell’area. La conclusione di Cassata è respinta da Mirarco che invita al tap-in a porta vuota Sannia sul limite della lunetta. Al 15’, Arario, per gli ospiti, colpisce il palo su punizione dalla distanza. Sempre il neoentrato Arario sembra dare più personalità al Nardò, che conclude, ma senza efficacia. Al 26’, su cross di Adamo, Sellitti incorna sotto misura, ma Mirarco gli nega la gioia del raddoppio. Gli ospiti rinforzano il reparto avanzato e Cusano toglie Cassata, rinforzando con Tortora il pacchetto arretrato. Il Nardò tiene alta la squadra e comprime la Sarnese che si affida a ripartenze defatiganti e fa tesoro dell’unica rete della gara.

Di Gaetano Ferrentino – Foto di Daniela Belmonte

Sarnese (4-3-2-1): Mennella, pantano, Adamo, Sannia, Girardi, Terracciano, Cassata (34’ st Tortora), Langella, Maione (24’ st Lepre), Sellitti, Crispini. A disp.: Loasses, Mariani, Rossi, Siciliano, Maiorano, Muollo, Chiacchio. All.: Cusano

Nardò (4-4-2): Miraco, Scipioni, De Pascalis (40’ st Palmisano), Versientin, Bolognese, Mingiano (32’ st Cordella), Kyeremateng, Centonze (9’ st Arario), Bertacchi, Giglio, Prinari (9’ st Infusino). A disp.: Rizzitano, Sene, Lezzi, De Luca, Molinari. All.: Taurino

Arbitro: Gemelli di Messina Rete: 2’ st Sannia (S) Note: Spettatori 300 circa. Ammoniti Langella, Terracciano, Adamo, Tortora, Giglio e Bertacchi. Angoli 3-2 per il Nardò. Recupero: 2’ pt, 5’ st

Le interviste

A fine gara, gioia percepibile nell’ambiente granata. La vittoria fa rialzare la testa. Pompilio Cusano esordisce con una vena polemica nei confronti dei tifosi: “Abbiamo disputato una partita di grande carattere. È una vittoria importante e strameritata, che ci aiuta a rispondere a critiche a volte anche ingenerose della tifoseria che dovrebbe starci più vicina. Molti dimenticano che il nostro obiettivo stagionale è la salvezza e questo traguardo è fatto di sofferenza. Quello che ho visto oggi mi fa ben sperare per il prosieguo. Abbiamo giocato a testa alta contro squadre molto esperte. Perciò, confido nel cammino che ci resta”.

Articoli correlati

Poliziotto sventa furto ed i ladri tentano di investirlo

Redazione

Protezione Civile: Draghi nomina Fabrizio Curcio Capo Dipartimento

Redazione

Scommette al gioco con i soldi di un’altra, donna accusata di truffa

Redazione

Comune cerca praticanti geometri. Ecco come candidarsi

Redazione

Le dichiarazioni a caldo di Mancusi

Redazione

VIDEO | Consiglio comunale sui regolamenti, novità per i tributi

Redazione