Cronaca Primo Piano

Il racket dietro l’incendio del furgone

Sul furgone incendiato l’ombra del racket. Gli inquirenti sono risaliti al proprietario del mezzo distrutto dalle fiamme in una strada di montagna nella frazione di Episcopio giovedì pomeriggio. Si tratta di un commerciante ambulante di Palma Campania che aveva già denunciato il furto del Turbo Daily. Il furgone veniva utilizzato per la  vendita itinerante di mozzarelle, risulta infatti legato ad un noto caseificio.

Gli inquirenti indagano su una tentata estorsione.

L’atto incendiario sarebbe stato messo in atto come ritorsione per la mancata corrispondenza di danaro, che avrebbe dovuto dare non solo  il via libera alla vendita  ambulante su tutto il territorio, ma anche il “posteggio” nelle varie fiere mercatali tra l’agro, l’area vesuviana e quella nolana. 

Il furgone era stato prima portato nella zona di via Tuostolo, sistemato su una strada impervia che costeggia le opere di messa insicurezza del post alluvione, e poi dato alle fiamme.  
Tempestivo l’intervento  dei vigili del fuoco di Nocera Inferiore. I caschi rossi impegnati per più di un ora per domare l’incendio.

Sul posto i carabinieri della locale stazione, agli ordini del maresciallo Tommaso Merola, che stanno conducendo le indagini.

Articoli correlati

Scippo durante la Messa, fedeli increduli. E’ corsa al Lotto…

Redazione

San Marzano Dop: una sfida per la tutela

Redazione

Sarnese – Sorrento, gara da rifare? Espulsione sospetta…

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy