Sarno Notizie
AttualitàBreviNotizie Primo Piano

Il casolare del boss diventa museo delle tipicità dell’Agro

Dove la camorra perde, i beni sono restituiti alla comunità. Così a Sarno, dove un casolare del boss è pronto a diventare un laboratorio e museo, punto di  di riferimento per le scuole. E’ stato approvato dalla Giunta del sindaco Giuseppe Canfora lo studio di fattibilità del progetto per l’utilizzo e il riuso di un bene confiscato. Si tratta di un vecchio casolare situato in località Ingegno che diventerà un laboratorio agroalimentare per promuovere e valorizzare i prodotti tipici dell’agro sarnese  ed un ecomuseo espositivo e divulgativo delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. Il costo previsto dell’intervento è di un milione e mezzo di euro.
Il Comune di Sarno era stato ammesso dalla Regione Campania ai finanziamenti previsti dal Pon Legalità e Por Campania per il riuso e il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla criminalità organizzata nell’ambito dell’accordo in materia di sicurezza, legalità e coesione sociale in Campania. 
“Dopo due anni di incontri con la Prefettura e l’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, possiamo finalmente dire di aver raggiunto un altro importante obiettivo – spiega l’Assessore al Demanio e al Patrimonio, Emilia Esposito – . In linea con la legge sui beni confiscati, il riuso è finalizzato esclusivamente a scopi sociali”.

Articoli correlati

Dopo l’oro di Dubai, Angelo accarezza il sogno Olimpiadi

Redazione

Mega concorso per vigili urbani. Ecco gli ammessi alle prove

Redazione

Ha sparato all’impazzata per tre giorni: ecco chi è il pistolero

Redazione

Sarno, l’addio a Michele: “Ti vediamo volteggiare qui”

Redazione

Covid provincia di Salerno i dati dei comuni

Redazione

Ex Villa Malta – Canfora: “Lavoriamo per il recupero”

Redazione