Sarno Notizie
Attualità

Guerra Israele e Hamas, Crosetto: “Se servirà, rientro in Italia per nostri militari”

Razzo su base Unifil in Libano. Crosetto: “Se servirà, rientro in Italia per nostri militari”

La guerra tra Israele e Hamas continua a coinvolgere anche la zona di confine a sud del Libano. Ieri 15 ottobre 2023 un razzo ha colpito il quartier generale della missione dell’Onu Unifil a Naqoura a cui prendono parte anche 1103 militari italiani. E dal governo il ministro della Difesa Guido Crosetto assicura che “qualora ci fossero pericoli” i nostri ‘caschi blu’ verranno fatti rientrare in Italia. “Stiamo lavorando per verificare da dove è stato lanciato – fa sapere Unifil in un comunicato – . I nostri ‘caschi blu’ non erano nel sito al momento, fortunatamente nessuno è stato ferito”.

La missione dell’Onu a cui prendono parte anche 1103 militari italiani denuncia inoltre “un intenso scambio di fuoco oggi in diverse zone della Linea Bli fra i territori libanesi e Israele. “Ci sono stati impatti su entrambi i versanti della Linea. Continuiamo a impegnarci attivamente con le autorità di entrambe le parti della Linea per una de escalation della situazione ma sfortunatamente malgrado i nostri sforzi – sottolineano i militari Onu – l’escalation militare continua. Sollecitiamo tutte le parti coinvolte a cessare il fuoco e consentire a noi, come ‘caschi blu’ di aiutare a trovare una soluzione. Nessuno vuole vedere altre persone ferite o uccise”.

“Ricordiamo a tutte le parti coinvolte che attacchi contro i civili o contro il personale Onu sono violazioni del diritto internazionale che possono essere considerati come crimini di guerra”, conclude il comunicato. “La situazione resta quella di questi giorni, si tratta di un missile deviato, che non ha causato alcun danno. Non era un missile lanciato sulla base. Ma la situazione rimane grave”, dichiara all’Adnkronos Crosetto. L’esponente di Fdi assicura che il suo ministero e il governo “mantengono la situazione sotto controllo, monitorando ogni minuto l’evolversi delle cose. E qualora ci fossero pericoli come quelli che ieri hanno determinato la mia scelta di far rientrare in Italia i carabinieri della missione addestrativa di stanza a Gerico, verrà fatta la stessa cosa. Se i nostri contingenti fossero in pericolo – osserva il titolare della Difesa – la scelta sarebbe scontata, anche perché i nostri militari sono lì, in Libano, con regole di ingaggio molto chiare che non prevedono né la preparazione né l’attrezzatura per qualcosa di diverso da Unifil, che è un’operazione di monitoraggio”.

Per quanto riguarda l’allarme sicurezza lanciato per la festa delle Forze armate del 4 novembre, Crosetto ribadisce: “Le celebrazioni istituzionali non sono problematiche, sto ragionando e ragioneremo nelle prossime settimane sull’evento che si tiene normalmente al Circo Massimo e che vede la partecipazione di moltissime persone”. “Solidarietà al contingente Onu nella base di Naqura che oggi è stata colpita da un razzo” arriva via Twitter dal ministro degli Esteri, Antonio Tajani che ricorda che “sono oltre 1000 i soldati italiani che fanno parte della missione Unifil nel Sud del Libano. Per fortuna – scrive il vicepremier – nessun ferito. Un abbraccio ai nostri militari”.

Articoli correlati

Reggimento «Aqui» a Sarno. Ferrentino: «Grazie all’Esercito per quanto fatto nel ’98»

Redazione

Vaccini: Generale Figliuolo, “Puntiamo a chiudere la campagna entro l’estate”

Redazione

Cade nel canale dei binari, 12enne salvato dai militari dell’Esercito Italiano

Redazione

Coronavirus: no mascherina, a Salerno altre 8 multe da mille euro

Redazione

Pomigiliano d’Arco, un presidio per i vaccini con i sanitari dell’Esercito

Redazione

Esercito: Dai militari uova di Pasqua per i bimbi ricoverati in pediatria

Redazione