Caserta Cronaca Salerno

Frodi sui carburanti, 45 misure cautelari: anche in provincia di Salerno

Le attività investigative hanno accertato l’infiltrazione dei clan dei Casalesi e Cicala nel lucroso mercato degli idrocarburi nei territori del Vallo di Diano, in provincia di Salerno

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Salerno, Brescia, Napoli, Caserta, Cosenza e Taranto, i militari della Guardia di Finanza di Salerno e Taranto e i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno sono impegnati in un’operazione coordinata dalle Direzioni Distrettuali Antimafia di Potenza e Lecce, con l’esecuzione di due ordinanze applicative di misure cautelari personali e reali, emesse dai rispettivi GIP nei confronti di 45 persone, indagate per associazione per delinquere con l’aggravante del metodo mafioso, finalizzata alla commissione di gravi delitti contro il patrimonio, quali frodi in materia di accise ed IVA sui carburanti, intestazione fittizia di beni e società, truffa ai danni dello Stato.

Coinvolte anche ulteriori 71 persone, denunciate a piede libero per reati connessi a quelli di natura associativa. Le attività investigative hanno infatti accertato l’infiltrazione del clan dei Casalesi e del clan Cicala nel lucroso mercato degli idrocarburi nei territori del Vallo di Diano e del Tarantino.

Conferenza Stampa

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso della mattinata, in occasione di due conferenze stampa, che si svolgeranno in concomitanza, alle ore 11.00, presso la Procura della Repubblica – DDA di Potenza ed il Comando Provinciale Guardia di Finanza di Taranto. Alle predette riunioni prenderà parte, in videocollegamento, il Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Dott. Federico Cafiero De Raho, unitamente al Procuratore Distrettuale Antimafia di Lecce.

Articoli correlati

Due cani avvelenati in poche ore, è caccia al killer dei randagi

Redazione

Pasticceria sporca ed alimenti sospetti. Dolci sequestrati e 45mila euro di multa

Redazione

Scomparsa da ieri mattina. L’appello del marito: “Aiutatemi a trovarla”

Redazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi

Privacy & Cookies Policy